De Vrij: disposti ulteriori accertamenti dalla procura Antidoping

Situazione De Vrij

Come anticipato nei giorni scorsi De Vrij era stato convocato dalla Nado Italia al Coni, per chiarire la sua situazione riguardo la mancata firma di uno dei due documenti, dopo il controllo antidoping post Lazio-Verona del 19 febbraio scorso. I test antidoping si basano sull’analisi delle urine e necessitano di determinati requisiti, tra questi la quantità di liquido. Se l’atleta, al termine dell’incontro, non riesce a fare il test al primo tentativo, dovrà ripetere l’operazione una seconda volta, firmando tutti e due i documenti. Alla sembrava si trattasse solamente di un incontro burocratico, ma poi la situazione ha avuto un altro risvolto. Come riporta il messaggero.it, il capo della Procura Antidoping, Pierfilippo Laviani ha disposto ulteriori accertamenti sulla vicenda di de Vrij: il focus di tali approfondimenti non è tanto sulla sostanza cortisonica, che l’atleta ha già utilizzato in passato con l’autorizzazione del caso, quanto sulla scadenza della documentazione stessa (usata dal centrale per l’assunzione del farmaco). Secondo quanto si apprende, non sarebbe stata rinnovata questa esenzione. Nonostante i nuovi accertamenti la Lazio si dice non preoccupata della situazione.

 

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.