Houssem Aouar, la nuova stella del Lione

Chi è Houssem Aouar? Nato a Lione il 30 giugno 1998, Aouar è considerato uno dei maggiori talenti del calcio transalpino.

Ha iniziato a muovere i primi passi nel Tonkin Villeurbanne, un piccolo club di quartiere. Nel 2009 dopo un provino, l’Olympique Lyonnais decide di aggregarlo all’under12. E’nell’under 17  che il ragazzino si fa notare per le indiscutibili qualità tecniche vincendo il campionato e mettendo a segno ben 26 gol. Numeri niente male per il centrocampista offensivo che per eleganza e modo di giocare il pallone ricorda Zinedine Zidane. Aouar è entrato in pianta stabile nelle gerarchie del tecnico Bruno Genesio nel 2017 e il 16 Febbraio debutta nel match di Europa League contro l’Az Alkmaar. La settimana successiva segna la sua prima rete da professionista nella gara di ritorno contro gli olandesi.  Soprannominato “la pepite” Aouar è ormai diventato un punto fermo anche dell’Under 21 francese allenata da Sylvain Ripoll.

Caratteristiche tecniche

175 cm, destro naturale, Houssem Aouar è un centrocampista offensivo  che colpisce per qualità tecniche ed eleganza. Fantasia, tocco morbido, visione di gioco e doti balistiche  fanno di Aouar uno dei centrocampisti più eclettici del panorama mondiale.  Tatticamente Aouar può ricoprire diversi ruoli nel centrocampo e Bruno Genesio ci ha messo poco tempo per affidargli il centrocampo del Lione.

Il centrocampista ha un contratto con il club transalpino fino al 2020 ma ha già diversi estimatori: Liverpool e Manchester United lo seguono ormai da diverso tempo. Nel frattempo il Lione ha fissato il prezzo di mercato: 40 milioni.

Il Lione è terzo in classifica. Ha 69 punti uno in meno del Monaco e progetta il sorpasso che garantirebbe al club l’accesso in Champions League.  Il tecnico Bruno Genesio alla guida del club da 3 anni ha continuato a lavorare sul vivaio  che in breve tempo è diventato il miglior settore giovanile del calcio francese.  Tolisso, Lacazette, Grenier, Umtiti, Fekir e ora Aouar per continuare a stupire ancora.

Leave a Reply