Serie A, calciomercato, Premier League e molto altro

Category archive

Champions League

Roma, Di Francesco: “La nostra forza dovrà essere la compattezza. Ho visto una squadra in grande crescita e mi auguro di vederla ancora meglio domani”

Categorie Calcio/Champions League/Roma Scritto da
di francesco derby

Eusebio Di Francesco, allenatore della Roma, è intervenuto in conferenza stampa, alla vigilia del match di Champions League contro lo Shakhtar Donetsk, in programma domani alle ore 20:45. Queste le dichiarazioni:
Questa è una squadra che si accende e ogni tanto si spegne. Dopo tre vittorie di fila, qual è l’antidoto contro i cali?
Nell’arco della gara dobbiamo evitare i cali dando continuità al nostro lavoro. Ci saranno momenti alterni, loro sono bravi nel palleggio. Noi dobbiamo essere concentrati e compatti. Mi auguro di vederla in crescita come l’ho vista.

 Si è guadagnato questa partita arrivando primo in un girone difficilissimo. Dopo un periodo no siete tornati forti. La preparazione era in chiave Champions?
Non era mirata a far male prima. Abbiamo alzato i ritmi degli allenamenti per arrivare forti nel finale, a partire da questa gara. Ma sarà il campo a dirlo. Dobbiamo avere determinazione e cattiveria, in entrambe le fase.

Come si gestisce in questo momento un giocatore così sorprendente come Under? Si può fare a meno di lui?
Parliamo di Under che è cresciuto tantissimo e che in questo periodo determina tanto, ma me piace parlare di squadra. Siamo felici di averlo con noi e lo gestiremo nel migliore dei modi. Non vi dirò chi giocherà dall’inizio, voglio

In campionato siete in lotta per la Champions. In questo turno ci sono scontri diretti che potrebbero eliminare tante squadre, avete mai pensato di puntare alla Champions?
Noi ragioniamo partita per partita. Cerchiamo di sfruttare il turno per arrivare ai quarti, sapendo che loro sono molto forti, specialmente davanti. Loro hanno più abitudine di noi, ma vedremo cosa accadrà. La viviamo con il giusto equilibrio. tutti sull’attenti e sceglierò domani chi giocherà.

Questa squadra si esprime con due sistemi di gioco simili. Domani potrebbero essere usati entrambi o ne userai uno solo?
Il modulo cambia poco, abbiamo la possibilità di cambiare durante la gara. Cercheremo di dare continuità a quello che abbiamo fatto nell’ultimo periodo con lo stesso sistema di gioco.

Come sta Florenzi?
E’ rimasto in albergo perché non sta bene. Ci auguriamo di averlo per domani, ma non sappiamo cosa avverrà. Oggi non è disponibile, domani vedremo. Non si allenerà oggi.

Nel 2011 la Roma ha giocato già contro lo Shakhtar. Ha guardato le partite?
No, è troppo indietro. Ho visto però le ultime partite, hanno sempre fatto bene e sono una squadra che a me piace molto. Le squadre ucraine negli ultimi anni sono cambiate, sono meno fisiche e con più qualità.

Roma, De Rossi: “Non devo fare raccomandazioni ai giocatori, sono uno di loro”

Categorie Calcio/Champions League/Roma Scritto da

Daniele De Rossi, ha parlato in conferenza stampa insieme ad Eusebio Di Francesco alla vigilia del match valido per gli ottavi di finale di Champions League, quello contro lo Shakhtar Donetsk. Ecco le sue dichiarazioni:

Sei tornato a Udine dopo un periodo fuori. A che punto sei come condizione? Considerando anche le condizioni atmosferiche…
La condizione è buona. Sabato è stato meglio di quanto pensassi. Vedrò presto se sono in grado di fare due partite di seguito ma penso di si, mi sento bene e ho lavorato molto.
Tu arrivi a questa partita come capitano, maturo e consapevole, romano e romanista. Come stai psicologicamente?
Arrivo tranquillo, consapevole dell’importanza ma senza pressioni. La partita si giocherà in due scontri. I miei compagni stanno lavorando bene dopo un momento di difficoltà, ma la squadra è molto unita. Siamo usciti – spero – da questo momento. Non c’è stato bisogno di dire nulla, sono tutti molto attaccati alla squadra e alla loro professione. Sono uno di loro, naturalmente.
Dzeko ha detto: “La Roma è in condizioni migliori allo Shakhtar”. Sei d’accordo?
Non penso di essere più in forma. Loro sono stati fermi per tempo, ma hanno passato due mesi a preparare solo questa partita, anche se non giocare può essere uno svantaggio. Ce la giocheremo. Anche quando giocammo anni fa contro di loro erano reduci dalla pausa e sappiamo come è finita. Non ci sono vantaggi o svantaggi.

Hai già giocato in queste situazioni meteo. Quanto influiscono?
Un po’ contano, è qualcosa di nuovo per noi. Ma conterà fino ad un certo punto, le qualità in campo faranno la differenza. Saremo 11 vs 11, dobbiamo solo stare attenti all’inizio perché potrebbero essere alterati da questo shock, ma poi basta. Chi passerà lo farà per le proprie qualità, non per il clima.

Shakthar Donetsk, Fonseca: “Non stiamo pensando alla Roma. Il nostro obiettivo è il campionato

Categorie Calcio/Champions League/Roma Scritto da

L’allenatore dello Shakhtar Donetsk, Paulo Fonseca, ha parlato della prossima partita di Champions League contro la Roma e della sfida di campionato contro il Čornomorec Odessa. Queste le sue dichiarazoni al sito ufficiale del club ucraino:

Siete pronti a giocare la prima partita ufficiale dell’anno contro il Čornomorec’ Odessa? Quanto è importante in vista della Champions League?
Siamo pronti al 100% dopo la pausa invernale. I campi sono stati tenuti in condizioni eccellenti, e anche i ragazzi sono in forma. Penso che faremo bene e ci metteremo in mostra nell’ultima parte del campionato. Ad essere onesto, stiamo ancora provando a non pensare alla Champions League. Vi ricordo che il nostro obiettivo principale resta il campionato ucraino. Andiamo avanti passo dopo passo. Ora pensiamo alla gara contro il Čornomorec’ Odessa, dopo quella inizieremo ad analizzare la Roma e a preparare la partita europea.

Juventus-Tottenham formazioni ufficiali

Categorie Calcio/Champions League/Juventus/News/Primo piano Scritto da

Juventus-Tottenham formazioni ufficiali della gara d’andata dell’Allianz Stadium; valida per gli ottavi di finale di Champions League.

Juventus-Tottenham formazioni ufficiali: le scelte definitive di Pochettino e Massimiliano Allegri

È iniziato ufficialmente il countdown per il calcio d’inizio fra Juventus e Tottenham. Questa sera all’Allianz Stadium di Torino va in scena il primo atto del doppio confronto europeo fra la squadra di Massimiliano Allegri e il club londinese Mauricio Pochettino.

Entrambe le squadre sono reduci da un grandissimo momento di forma nei rispettivi campionati, che vede i londinesi inseguire un posto per le coppe europee il prossimo anno; mentre per i bianconeri continua l’inseguimento per la conquista del settimo scudetto consecutivo.

Mister Allegri deve rinunciare ai lungodegenti Matuidi, Höwedes e Cuadrado, oltre a Barzagli e Lichtsteiner in questi ultimi giorni. Dybala tornato in gruppo nelle ultime sedute di allenamento, ma molto probabilmente non sarà della sfida. Gli inglesi invece confermano gli uomini delle ultime partite; scegliendo dunque la strada della continuità di risultati.

Ecco le formazioni ufficiali della sfida:

Juventus (4-2-3-1): Buffon; De Sciglio, Benatia, Chiellini, Alex Sandro; Pjanic, Khedira; Bernardeschi, Douglas Costa, Mandzukic; Higuain. All.Allegri

Tottenham(4-2-3-1): Lloris; Aurier, Sanchez, Vertonghen, Davies; Dembélé, Dier; Eriksen, Alli, Lamela; Kane. All.Pochettino

Hamsik rilancia la sfida alla Juve: “Quest’anno tocca a noi lo scudetto”

Categorie Calcio/Champions League/Juventus/Napoli/Primo piano Scritto da

Hamsik alla vigilia della prossima sfida di Europa League contro il Lipsia; rilancia le ambizioni scudetto del suo Napoli, sfidando ancora una volta la Juventus.

Hamsik: “La Juve vale 600 milioni”

Manca ormai pochissimo alla sfida di Champions League Juventus-Tottenham, che aprirà la campagna europea delle squadre italiane nelle competizioni estere in attesa di giovedì.

Tra due giorni infatti scenderà in campo oltre a Milan, Atalanta e Lazio; il Napoli di Maurizio Sarri atteso dal pericolosissimo incrocio con i tedeschi del Lipsia.

In attesa dello scontro europeo, capitan Marek Hamsik al ‘Corriere dello Sport‘ ha voluto rilanciare le ambizioni stagionali dei partenopei, continuando la sfida a distanza con la Juventus di Massimiliano Allegri. Ecco le sue parole:

Sono curioso della nostra prossima sfida. Il Lipsia è una squadra di gran talento e può metterci in difficoltà. Sono curioso anche della sfida della Juventus. Questa squadra attualmente vale 600 milioni, ma credo non ce la farà a vincere lo scudetto. Questa è la nostra annata e non permetteremo a nessuno di infrangere il nostro sogno iniziato alla grandissima nella prima parte di stagione. Stanno dimostrando di essere una squadra in grande forma, ma anche noi non molleremo nulla fino al nostro prossimo scontro”.

 

Juventus-Tottenham, Giorgio Chiellini carica i suoi: “Domani bisogna giocare con la massima attenzione”

Categorie Calcio/Champions League/Juventus/News/Primo piano Scritto da

Giorgio Chiellini alla vigilia della sfida contro il Tottenham esalta le caratteristiche del club londinese, avversario domani sera dei bianconeri di mister Allegri.

Giorgio Chiellini: “L’attacco del Tottenham non deve avere troppo spazio”

Dopo aver centrato la qualificazione agli ottavi di finale di Champions League con il secondo posto nel girone, la Juventus si troverà davanti domani sera il suo primo vero esame in questa stagione europea.

Il Tottenham guidato da Mauricio Pochettino si potrebbe rivelare più insidioso del solito, specie in fase d’attacco. Di quest’opinione è anche Giorgio Chiellini, che in conferenza stampa ha elogiato il gioco offensivo degli Spurs:

Siamo una squadra esperta e non per questo dobbiamo sottovalutare chi ci troviamo davanti. Il Tottenham è una squadra davvero ostica e soprattutto una squadra che quando attacca con i suoi tre trequartisti e il supporto di Harry Kane, sono davvero pericolosi. Bisogna giocare una partita intelligente. Dobbiamo dimostrare di giocare con la massima attenzione d’ora in avanti, anche perché saranno tutte sfide molto interessanti. Ora è un testa a testa, ma sarà un bellissimo scontro con Kane e soci”.

Juventus-Tottenham, parla mister Allegri: “Non dobbiamo esaltare le loro qualità”

Categorie Calcio/Champions League/Juventus/News/Primo piano Scritto da

Mister Allegri alla vigilia del match contro il Tottenham di Mauricio Pochettino, parla dell’atteggiamento dei suoi per la sfida di domani sera in scena all’Allianz Stadium.

Mister Allegri carica la sua Juventus

Mancano quasi ventiquattro ore alla tanto attesa sfida europea tra Juventus e Tottenham. La squadra bianconera archiviata la bella vittoria arrivata al Franchi nell’anticipo di venerdì, si proietta per il ritorno alle sfide di Champions League.

Ecco le sensazioni della vigilia da parte di mister Allegri:

Sarà un ottavo di finale equilibrato, bisognerà fare la solita partita attenta e soprattutto non dobbiamo far esaltare le loro qualità. Dobbiamo dimostrare domani sera di essere una squadra con grande personalità, e sono certo che noi possiamo esserlo anche in questa stagione. Se invece mettiamo la partita sulla prestanza fisica, usciamo dal campo con le ossa rotte. I ragazzi stanno bene e sono concentrato soprattutto sull’attenzione. L’ultima volta che ho giocato contro il Tottenham ed ero alla guida del Milan ho preso gol in contropiede a tre dal termine. Bisogna restare concentrati. ora si fa davvero sul serio“.

Pjanic avverte il Tottenham: “Spurs, vogliamo soltanto vincere”

Categorie Calcio/Champions League/Juventus/News/Primo piano Scritto da

Miralem Pjanic parla alla vigilia della super sfida di Champions contro il Tottenham allenato da Mauricio Pochettino all’Allianz Stadium.

Pjanic rivela: “Potevo andare al Tottenham”

Siamo ormai vicini al tanto atteso incrocio europeo dell’Allianz Stadium di domani sera. Juventus-Tottenham è una delle sfide più affascinanti degli ottavi di finale di Champions League, che cominciano proprio domani.

Alla vigilia dello scontro fra i bianconeri e la squadra londinese guidata dal bomber Harry Kane, il regista bianconero Miralem Pjanic parla al quotidiano torinese ‘TuttoSport‘  alla vigilia della sfida chiave per la stagione della Juventus:

È una partita molto difficile ma sappiamo che siamo i favoriti. Non dobbiamo mollare un centimetro contro avversari di questa caratura, anche perché sono davvero difficili da affrontare. Il Tottenham è una squadra piena di giovani talenti, ma non ha la nostra fame. Noi vogliamo soltanto vincere domani sera, perché possiamo continuare nel migliore dei modi la nostra lotta su tre fronti. Un giorno sarei dovuto andare anche io al Tottenham. Ero alla Roma e ho deciso di rifiutare quel trasferimento per il semplice motivo che ero davvero molto felice insieme a giocatori come Totti, De Rossi, Osvaldo… Ora però il passato è alle spalle e voglio passare il turno nel migliore dei modi insieme ai miei compagni“.

Betting Coppe Europee, inizia la fase ad eliminazione diretta

Categorie Betting calcio/Champions League/Europa League/In Evidenza Scritto da
Betting Coppe Europee

Betting Coppe Europee,ritorna l’appuntamento con la rubrica sul Betting, dedicata in questo caso alle coppe Europee. In CL impegnate Man. City e Juve il martedì e Real-PSG, che illuminerà i riflettori del mercoledì della competizione. Sedicesimi di finale, invece, per l’Europa League con tre italiane su quattro impegnate in trasferta.

Il grande calcio europeo torna protagonista per le prime partite della fase ad eliminazione diretta. Entra nel vivo la stagione delle coppe, con alcune delle partite più interessanti di tutto il quadro degli ottavi di Champions. Ci riferiamo in particolare, alla supersfida del “Santiago Bernabeu” tra i campioni in carica del Real Madrid e il PSG delle meraviglie, imbattuto nella prima fase. Con le quote di Goldbet, analizziamo le partite di questa “Week 1” della fase ad eliminazione delle due principali competizioni europee per club. Sempre con il betting come protagonista indiscusso..

BETTING COPPE EUROPEE, CHAMPIONS LEAGUE (13-14 FEBBRAIO)

Basilea-Man City           OVER 2,5              quota: 1,55

Torna la “schiacciasassi” della prima fase di CL. Il City di Guardiola, visto il notevole vantaggio acquisito in Premier, ha sicuramente calibrato le forze in vista del principale obiettivo di stagione: la finale in Champions. Ci sono alcune defezioni importanti come Silva, Sanè e G.Jesus; nonostante questo la squadra di Manchester resta nettamente favorita per la gara di andata ed in generale per il passaggio del turno. Sarà partita divertente, con tante occasioni da rete: il City proverà già domani a chiudere la pratica svizzera.

Juventus-Tottenham            NoGoal            quota: 1,77

Match molto più intrigante del primo. Entrambe le squadre sono in un periodo di forma invidiabile: la Juve è imbattuta da 17 partite (con un solo goal subito), gli Spurs sono imbattuti da 12 partite con l’ultima sconfitta patita a vantaggio dell’imbattibile City. Partita tirata e dove regnerà l’equilibrio, vista anche il ritorno ancora da disputare. La Juve deve evitare di subire goal e cercare di fermare l’uragano Kane.

Porto-Liverpool             X2              quota: 1,36

Il Porto non sembra essere la solita mina vagante degli ultimi anni. Nonostante questa impressione, la qualificazione agli ottavi è comunque arrivata. Dall’altra parte, i Reds devono sfruttare il sorteggio favorevole per tornare nei quarti di Champions dopo quasi 6 anni. Match complicato da leggere, poichè il “Dragao” è un campo sempre ostico da espugnare. Ci cauteliamo, quindi, con una DC OUT da bolletta.

Real Madrid-PSG        GG+OVER 2,5            quota: 1,56

L’ottavo di finale più atteso. Si sfidano due delle squadre offensivamente più forti della competizione. PSG con il miglior attacco della CL con 25 goal, Real con la BBC ormai recuperata e con 17 reti in attivo. Difese che convincono meno, ecco perchè optiamo per una partita senza pause e con tanti goal. 2-2 a 9,6 non utopico!

BETTING COPPE EUROPEE, I SEDICESIMI DI EUROPA LEAGUE (15 FEBBRAIO)

Borussia Dortmund-Atalanta      Goal                  quota: 1,65

Trasferta molto difficile per la sorprendente Atalanta di Gasperini. I bergamaschi hanno superato agevolmente il girone con Lione, Everton ed Apollon ma sono stati sfortunati al sorteggio. Di fronte si troveranno una delle favorite al successo finale dell’EL. Tuttavia, i neroazzurri giocano un buon calcio in Europa e possono dar fastidio ai vice-campioni di Germania.

Ludogorets-Milan      2                quota: 2,10

Gattuso sembra aver trovato la chiave giusta per questo Milan. 8 risultati  utili consecutivi e tanta consapevolezza acquisita. La qualificazione del Milan alla prossima CL dipende inesorabilmente dalla Europa League, visto il distacco abissale sul quarto posto in campionato. La vittoria in Bulgaria non è impresa impossibile.

FCSB-Lazio      2               quota: 1,87

Stesso discorso per la Lazio di Simone Inzaghi. Squadra molto quadrata, sia in Italia che in Europa, in questa stagione. Trasferta più ostica rispetto a quella dei rossoneri, ma alla portata di Immobile e compagni. Vittoria con il minimo scarto, 0-1 molto possibile.

Real Sociedad-Red Bull Salisburgo     1                 quota: 1,77

San Sebastian è da sempre uno dei campi più ostici in terra spagnola. Negli ultimi anni, i biancoblu della Real Sociedad hanno fermato, nelle mure amiche, sia Barca che Real. Non sarebbe insolito che gli spagnoli costruissero il loro cammino europeo verso le semifinali sfruttando, nel migliore dei modi, il fattore campo. Salisburgo in lieve calo rispetto alle scorse stagioni, quindi avversario abbordabile.

Juventus-Tottenham: in forte dubbio la presenza di Andrea Barzagli

Categorie Calcio/Champions League/Juventus/News/Primo piano Scritto da
Juventus-Tottenham

Juventus-Tottenham è la sfida fondamentale per il futuro della stagione bianconera; che continua ad essere falcidiata dagli infortuni. In vista del match contro la squadra londinese di mister Mauricio Pochettino, in dubbio la presenza di Andrea Barzagli.

Juventus-Tottenham: per i bianconeri molti assenti

La sfida dello Stadium in programma domani sera metterà di fronte due squadre che si sono già affrontate la scorsa estate, in vista degli impegni stagionali prefissati.

Se i bianconeri di mister Allegri stanno continuando la loro rincorsa allo scudetto, il Tottenham continua il suo assalto alla qualificazione alla prossima Champions League; vista la tanta concorrenza tra le prime quattro posizioni della Premier League.

Se per il Tottenham non ci saranno assenze illustri, la Juventus avrà invece numerosi assenti, a causa degli acciacchi fisici. Nel prossimo match Juventus-Tottenham dunque non ci saranno Cuadrado, Howedes, quasi certamente Dybala ed infine è in forte dubbio la presenza di Andrea Barzagli.

L’esperto difensore centrale bianconero si è allenato a parte a causa di un risentimento al polpaccio della gamba destra. Le sue condizioni sono state monitorate dello staff medico juventino, che sta decidendo di tenerlo a riposo almeno per la sfida d’andata di domani sera contro gli inglesi.

Mauricio Pochettino e i suoi ricordi italiani: “La Juventus è nella mia vita sin da piccolo”

Categorie Calcio/Champions League/Juventus/News/Primo piano Scritto da
Mauricio Pochettino, tecnico del Tottenham

Mauricio Pochettino tecnico del Tottenham si racconta in un’intervista a RaiSport alla vigilia dello scontro di domani sera contro la Juventus.

Mauricio Pochettino: “La Juventus sa competere oltre a saper giocare molto bene”

Manca ormai poco alla sfida d’andata dell’Allianz Stadium fra gli inglesi del Tottenham e la squadra di Massimiliano Allegri, reduce dalla buona prestazione con la Fiorentina.

Gli juventini con il dubbio riguardante l’argentino Paulo Dybala, dovranno avere la meglio di una delle squadre più forti del panorama calcistico inglese, ancora in lotta in Premier League per un possibile piazzamento Champions nella prossima stagione.

I londinesi guidati da Mauricio Pochettino saranno un vero osso duro in questa sfida? All’indomani della sfida, il tecnico argentino rivela le sue origini piemontesi, ed elogiando la Juventus sua prossima avversaria:

Questa sfida per me è eccitante. Abbiamo di fronte a noi un avversario dalla grande caratura a livello europeo. La Juventus in questo momento a livello di blasone è da considerare uno tra i più grandi club europei. Per arrivare al loro livello, bisogna continuare a lavorare come abbiamo deciso di fare. In queste competizioni non conta soltanto saper giocare, ma bisogna anche saper competere. La Juventus lo ha sempre fatto ed è per questo che nella mia vita ho sempre tifato per questa filosofia. Sono di origini piemontesi e mio nonno parlava tantissimo di questa squadra da quando ero ragazzo. Sarà davvero eccitante giocare una partita così importante“.

Siviglia-Manchester United, sfida inedita in Champions

Categorie Calcio/Champions League Scritto da

Siviglia-Manchester United è una gara tra due compagini che hanno vinto molto in Europa. Tra l’altro, si tratta delle due squadre che hanno vinto le ultime quattro Europa League. Proprio grazie alla vittoria nella finale di Stoccolma contro l’Ajax, infatti, i Red Devils si sono qualificati per la Champions League. Il sesto posto in Premier League, infatti, non sarebbe stato sufficiente. Il cammino degli andalusi in Champions, lo scorso anno, si è fermato agli ottavi.  A battere la compagine allora guidata da Jorge Sampaoli, infatti, era stato il Leicester City. Quest’anno il Siviglia, con Eduardo Berizzo in panchina,  si è qualificato con parecchi patemi. Lo United, invece, ha sofferto un po’ meno e ha conquistato anche la vittoria del girone.

Siviglia-Manchester United: tanti ex italiani

Molti i giocatori delle due compagini che hanno militato in Serie A. Per il Siviglia, il nome principale è quello di Ever Banega. L’ex centrocampista dell’Inter, infatti, è tornato nella squadra da cui era partito. Non solo: El Tanguito ha anche ritrovato una forma smagliante, oltre alla continuità. C’è anche Franco Vazquez, che ha lasciato il Palermo due stagioni fa e si è trasferito in Andalusia. In attacco c’è Luis Muriel, che in Italia ha giocato con le maglie di Lecce, Udinese e Sampdoria. Ex blucerchiato, proprio come Muriel, è anche Joaquin Correa. Infine, milita nella compagine spagnola anche Simon Kjaer, difensore ammirato in Italia con le maglie di Palermo e Roma.

Il Manchester United, oltre ad ex giocatori di Serie A, ha anche un italiano in rosa. Si tratta di Matteo Darmian, da molti dato come probabile partente da Manchester. In Italia lo vorrebbero in tanti, ma lui vuole restare e provare a convincere José Mourinho. Lo stesso Special One è l’eroe mai dimenticato del Triplete dell’Inter nel 2010. Altro uomo che in Italia conoscono bene è Zlatan Ibrahimovic. Per lui tre maglie in A: Juventus, poi Inter e, infine, il Milan. A centrocampo c’è Paul Pogba, che il Manchester United aveva lasciato andare alla Juve. La scorsa estate è tornato alla base, con i bianconeri che hanno ottenuto 105 milioni di euro.

Siviglia-Manchester United: stelle a confronto

Ever Banega, l’ex ragazzino prodigio argentino, è indubbiamente il nome più famoso del Siviglia. Cresciuto nel Boca Juniors, ha esordito in prima squadra a 18 anni. Nel 2008 è approdato in Europa, con il Valencia che si era assicurato le sue prestazioni. Dopo sei stagioni di alti e bassi (a dire il vero più bassi che alti), il passaggio al Siviglia. In Andalusia l’argentino ha trovato la sua dimensione. Nelle sue due stagioni sotto la guida di Unai Emery sono arrivate due Europa League consecutive. Al termine della stagione 2015-16, il contratto di Banega è scaduto. L’Inter ha anticipato tutti ed è riuscita ad assicurarselo. Tuttavia, il rendimento del Tanguito non è stato eccezionale come a Siviglia. In estate, Banega ha fatto rientro alla ‘base’, l’unica squadra in cui ha reso al meglio.

Dall’altra parte il protagonista è, senza ombra di dubbio, David De Gea. L’estremo difensore spagnolo, nelle ultime gare, si è preso le luci della ribalta a suon di parate. In molte gare dello United è stato l’ancora di salvezza della squadra. Complice una difesa ancora da sistemare, De Gea è spesso stato chiamato agli straordinari. Tuttavia, lo spagnolo si è sempre, o quasi, fatto trovare pronto. Le sue grandi prestazioni, però, hanno attratto l’interesse della bestia nera delle grandi squadre. Sì, parlo del Real Madrid, lo stesso che ha battuto i Red Devils e conquistato la Supercoppa Europea. Ora i blancos sembrano aver puntato altrove, anche perché lo United non intende cedere il suo portiere. De Gea, quindi, è destinato a proteggere la porta del Manchester United ancora per diversi anni.

Le probabili formazioni

Siviglia (4-2-3-1): Rico; Mercado, Lenglet, Kjaer, Escudero; Pizarro, Geis; Correa, Banega, Sarabia; Ben Yedder

Manchester United (3-4-3): De Gea; Lindelof, Bailly, Smalling; Valencia, Matic, Pogba, Young; Lingard, Lukaku, Martial.

 

Real Madrid-PSG: sfida stellare già agli ottavi di finale

Categorie Champions League Scritto da

L’urna di Nyon, che ha decretato le sfide degli ottavi di finale di Champions League, ha sancito una super sfida. Una partita che apre la fase a eliminazione diretta, quindi già di per sé importantissima. Se ci si aggiunge la presenza di due dei giocatori più forti al mondo, si fa ancora più interessante. Real Madrid-PSG è un accoppiamento ideale sotto tanti punti di vista. Sfida tra potenze del calcio mondiale, sfida tra chi ha fatto la storia della competizione e chi vuole entrarci. Ma soprattutto, sarà lo scontro diretto tra Cristiano Ronaldo e Neymar.

Real Madrid-PSG, scontro tra titani

Cristiano Ronaldo non ha bisogno di presentazioni. Fuoriclasse immenso, completo, vincente. Vanta diversi scudetti, tante coppe nazionali, innumerevoli record. Quattro Champions, tre Mondiali per Club (e il quarto ancora da disputare). Nel 2016 ha trascinato il Portogallo alla vittoria dell’Europeo in terra francese. Venerdì scorso si è aggiudicato il suo quinto Pallone d’Oro, pareggiando i conti col rivale Lionel Messi. Ma CR7 non è ancora sazio, ha fame di vittorie, vuole vincere e dimostrarsi il migliore di sempre.

Terzo nella graduatoria del trofeo di France Football, dopo CR7 e Messi, è arrivato Neymar. Per lui questa stagione può essere l’inizio della svolta. Considerato, fin da ragazzino, l’erede di Pelé, il 25enne brasiliano si è fatto strada nonostante tutto. Il Barcellona ha fatto carte false (letteralmente) per strapparlo al Santos e, soprattutto, al Real Madrid. In quattro stagioni in Catalogna ha vinto tutto quello che c’era da vincere, ma sempre all’ombra di Messi. In estate la decisione: Neymar vuole essere la star di una grande squadra.

Il PSG, che ha disponibilità economica pressoché illimitata, gli ha proposto il suo progetto. Coprirlo di milioni, altrimenti chi si muove da Barcellona, ma aprire un ciclo vincente. O almeno provarci. Per averlo, però, è servito staccare un assegno da record: 198 milioni di sterline. Tradotto in euro, 222 milioni. Più del doppio del precedente trasferimento record, quello di Paul Pogba al Manchester United. Avvenuto non una decina di anni prima, ma quello precedente. In Francia ci credono, vogliono vincere, e O’Ney è l’uomo giusto per farlo.

Real Madrid-PSG: non solo CR7 e Neymar

Le due squadre sono entrambe composte di un cast di tutto rispetto. Il Real ha cambiato poco, se non nulla, rispetto alla scorsa stagione. Zinedine Zidane, vincente da giocatore e ora anche da allenatore, è sempre al comando della squadra. Sono rimasti tutti i big che hanno vinto le ultime due Champions League. Da Sergio Ramos, capitano e leader della difesa, passando per Luka Modric e Marcelo. Ma anche Toni Kroos, Casemiro, Dani Carvajal e Karim Benzema. Anche Marco Asensio, il nuovo grande nome, è rimasto a Madrid nonostante la corte spietata del Manchester United. L’unica nota negativa, se se ne vuole proprio trovare una, è Gareth Bale. Il gallese, da quando è arrivato a Madrid, ha avuto una serie infinita di problemi fisici. La luce in fondo al tunnel, per lui, sembra essere ancora lontana.

Il PSG, invece, è cambiato molto. Non solo per l’arrivo di Neymar, che è stato il colpo principale. È arrivato Dani Alves, reduce dalla finale di Champions League persa proprio contro i blancos. Il brasiliano ha infatti rescisso con la Juventus ed è approdato a Parigi. È stato presa anche la rivelazione della scorsa Champions: Kylian Mbappé. Per strapparlo al Monaco, un prestito con obbligo di riscatto. Fissato a 180 milioni di euro. Altro record, e ciliegina sulla torta di un mercato davvero stellare. Si punta molto anche sul nostro Marco Verratti, che potrebbe definitivamente consacrarsi. Unai Emery, sempre in bilico per le ambizioni crescenti della dirigenza, sa come vincere. Le tre Europa League vinte con il Siviglia ne sono la dimostrazione.

Le formazioni attuali

Real Madrid (4-3-3): Navas; Carvajal, Sergio Ramos, Nacho, Marcelo; Casemiro, Modric, Kroos; Asensio, Benzema, Cristiano Ronaldo.

PSG (4-3-3): Aréola; Dani Alves, Marquinhos, Thiago Silva, Kurzawa; Di Maria, Thiago Motta, Verratti; Mbappé, Cavani, Neymar.

 

Juventus-Tottenham, sfida inedita a livello europeo

Categorie Champions League/Juventus Scritto da
Juventus-Tottenham

L’urna di Nyon ha deciso: sarà Pochettino contro Allegri, Higuain vs Kane. Impegno non impossibile, ma da non sottovalutare per i bianconeri verso la strada che porta alla finale di Kiev 2018.

Ci si aspettava una squadra inglese e così è stato. La meno blasonata ma la più giovane ed imprevedibile. Il Tottenham di Maurizio Pochettino, infatti, ha sbaragliato tutta la concorrenza del gruppo H, finendo imbattuta la fase a gironi di Champions. Kane e compagni hanno sconfitti Real Madrid e Borussia Dortmund, nonostante non partissero con i favori del pronostico.

Le inglesi sono sempre compagini insidiose da affrontare nei primi turni di eliminazione diretta. La Juve ha sempre pagato tali scontri, in particolare negli ultimi anni pre-calciopoli, a discapito dell’Arsenal e del Manchester United. Ma ora, l’antifona è molto diversa: i bianconeri vengono da due finali in tre anni di Champions e sono tra le “top 5” di questa competizione.

JUVENTUS-TOTTENHAM,NESSUN PRECEDENTE IN GARE UFFICIALI

La vera sorpresa è che le due squadre si incontrano per la prima volta in Ch.League nella loro storia. Nei precedenti, solo amichevoli, tra cui due recentissime negli ultimi due anni. Il miglior risutato in Champions degli inglesi è la semifinale della stagione 61-62, nel segno di Jimmy Greaves (capocannoniere storico degli Spurs). Il teatro di Wembley accoglierà per la prima volta la Juventus in gare ufficiali: Allegri ha già ribadito di essere concentrato e consapevole dei mezzi che questa squadra ha a disposizione.

Massima fiducia a Vinovo per questo appuntamento, con la certezza di arrivare a Febbraio con la condizione psico-fisica perfetta per tornare di nuovo tra le prime 4 d’Europa. Questo è il primo passo e Dybala e soci lo sanno! Appuntamento al 13 febbraio con la sfida d’andata allo “Stadium” di Torino, sperando di poter ammirare la miglior Juve di questa stagione.

Champions League: il sorteggio degli ottavi di finale LIVE

Categorie Champions League/Primo piano Scritto da

Oggi alle ore 12 si terranno i sorteggi degli ottavi di finale della Champions League. L’urna di Nyon determinerà gli accoppiamenti della fase a eliminazione diretta. Saranno due le italiane: la Juventus e la Roma. I vicecampioni in carica, arrivati secondi nel Girone D, rischiano sfide da brivido. Tra le possibili avversarie, infatti, ci sono le due di Manchester e il PSG. Rischia parecchio anche la compagine giallorossa, vincitrice del Girone C. Tra le seconde, infatti, ci sono il Bayern Monaco e i campioni in carica del Real Madrid.

Champions League – Il sorteggio degli ottavi LIVE

Subito Italia: la prima squadra pescata, infatti, è la Juventus. I campioni d’Italia saranno contrapposti al Tottenham!

Il Basilea è la terza squadra estratta. Affronterà il Manchester City.

Il Porto è stato estratto per quinto, e il suo avversario sarà il Liverpool.

La settima pallina è quella del Siviglia. La sua avversaria sarà il Manchester United.

Viene estratto il Real Madrid. L’avversaria dei campioni in carica sarà il Paris Saint-Germain! Che match!

Lo Shakhtar Donetsk è l’undicesima squadra estratta. Sarà la Roma la sua avversaria!

Tredicesima estratta, il Chelsea. Affronterà il Barcellona! Altro grande match.

Di conseguenza, il Bayern Monaco sfiderà il Besiktas.

 

Si chiude qui il sorteggio degli ottavi di finale. Tanti gli incroci di livello, tra cui spicca la sfida tra Real Madrid e PSG. L’urna è stata benevola per le italiane, con la Juventus accoppiata al Tottenham e la Roma allo Shakhtar Donetsk.

 

 

Il PSG proverà l’assalto ad Allegri per il dopo Unay Emery

Categorie Calciomercato/Champions League/Juventus/Primo piano Scritto da

Dopo la cocente sconfitta contro il Bayern Monaco, il PSG sta pensando di sostituire Emery con Allegri tecnico della Juventus.

Arrivano le prime crepe in casa PSG. Dopo la cocente sconfitta subita all’Allianz Arena nella serata di ieri contro il Bayern Monaco, la società parigina sta valutando attentamente il futuro della propria squadra già dalla prossima stagione.

Allegri in pole per la panchina in caso di licenziamento di Emery

Nonostante in campionato e in Champions League continuano ad arrivare grandi soddisfazioni grazie alle prestazioni superlative di Mbappè, Neymar e Cavani; il PSG si sarebbe già stufato del tecnico ex Siviglia Emery.

Sulle spalle del tecnico spagnolo pesa infatti la triste eliminazione dello scorso anno contro il Barcellona al Camp Nou, ma anche un gioco borioso e non vincente secondo El Khelaifi.

Secondo quanto riportato dalla ‘Gazzetta dello Sport‘, il club parigino avrebbe scelto già il primo candidato a sedersi sulla panchina della squadra francese: si tratta di Massimiliano Allegri.

Allegri già da tre stagioni e mezzo sulla panchina della ‘Vecchia Signora‘, ha conquistato ben tre Scudetti, una Supercoppa, tre Coppe Italia e ha raggiunto ben due finali di Champions League, vero obiettivo del club francese.

Sarebbe la sua ottima capacità di gestire le gare cruciali e la sua gestione dello spogliatoio, che lo fanno diventare il primo candidato alla successione dell’ex allenatore del Siviglia  sulla panchina del PSG.

 

 

Roma-Qarabag, le formazioni ufficiali: Fazio dal 1′

Categorie Champions League/Roma Scritto da

La Roma si gioca il passaggio del turno in Champions League davanti al proprio pubblico. Allo Stadio Olimpico, infatti, va in scena Roma-Qarabag. Sarà una sfida decisiva per la qualificazione alla fase a eliminazione diretta. In caso di vittoria, i giallorossi andrebbero alla fase successiva. Molto dipenderà dal risultato della sfida di Stamford Bridge tra Chelsea e Atletico Madrid. I Blues, già certi della qualificazione, si giocano il primo posto proprio con la compagine capitolina.

Sono state rese note le formazioni ufficiali del match. Di Francesco recupera diversi uomini assenti contro la SPAL, ovvero Nainggolan, De Rossi e Perotti. Parte dal primo minuto anche Fazio, panchina per Juan Jesus.

Roma-Qarabag formazioni ufficiali

Roma (4-3-3): Alisson; Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov; Nainggolan, De Rossi, Strootman; Perotti, Dzeko, El Shaarawy. All. Di Francesco

Qarabag (4-1-4-1): Sehic; Medvedev, Rzezniczak, Yunuszada, Guerrier; Garayev; Ismaylov, Michel, Almeida, Madatov; Ndlovu. All. Gurbanov

Olympiacos-Juventus, le formazioni ufficiali

Categorie Champions League/Juventus Scritto da

Tra poco si terrà la sfida di Champions League OlympiacosJuventus. Sfida determinante per i vice campioni d’Europa, che si giocano la qualificazione. In caso di vittoria, sarà passaggio del turno. In caso contrario, bisognerà attendere il risultato della sfida tra Barcellona, già qualificato, e Sporting Lisbona. Sono state rese note le formazioni ufficiali del match. Massimiliano Allegri, per questa sfida, torna al 4-2-3-1 e rilancia Cuadrado dal 1′. Parte titolare anche Szczesny, turno di riposo per Buffon.

Olympiacos-Juventus: le formazioni ufficiali

Olympiacos (4-3-3): Proto; Elabdellaoui, Engels, Nikolaou, Koutris; Tachtsidis, Romao, Odjidja; Pardo, Djurdjevic, Sebà. All. Lemonis

Juventus (4-2-3-1): Szczesny; De Sciglio, Benatia, Barzagli, Alex Sandro; Khedira, Matuidi; Cuadrado, Dybala, Douglas Costa; Higuain. All. Allegri

Juventus, i convocati di Allegri per l’Olympiacos: out Chiellini

Categorie Champions League/Juventus Scritto da

Massimiliano Allegri ha diramato la lista dei convocati per la trasferta di Champions League contro l’Olympiacos. La sfida sarà decisiva per il passaggio del turno da parte della Juventus. Servirà vincere per non dover dipendere dal risultato della sfida tra Barcellona e Sporting Lisbona. Per farlo, il tecnico toscano si affida ai suoi uomini migliori.

Tuttavia, spicca l’assenza di Giorgio Chiellini. Il centrale, infatti, è stato costretto a dare forfait a causa di una gastroenterite. Pronto quindi Barzagli a farne le veci. Rientra invece Mario Mandzukic, assente contro il Napoli per un problema muscolare. Fuori anche Stephan Lichtsteiner, che non fa parte della lista UEFA dei bianconeri.

I convocati di Allegri

PORTIERI: Buffon, Pinsoglio, Szczesny

DIFENSORI: De Sciglio, Benatia, Alex Sandro, Barzagli, Rugani

CENTROCAMPISTI: Pjanic, Khedira, Marchisio, Matuidi, Asamoah, Sturaro, Bentancur

ATTACCANTI: Cuadrado, Dybala, Douglas Costa, Higuain, Mandzukic, Bernardeschi

Roma-Qarabag streaming e probabili formazioni

Categorie Champions League/Roma/Streaming Scritto da
Roma-Qarabag streaming

Roma-Qarabag streaming e probabili formazioni di un match in cui la Roma va alla caccia della vittoria che significherebbe il passaggio alla fase a eliminazione diretta della Champions League. La compagine guidata da Eusebio Di Francesco dovrà cercare un unico risultato: i tre punti. I giallorossi affrontano, davanti al proprio pubblico, gli azeri del Qarabag. Questi ultimi, già eliminati, vogliono chiudere in bellezza la loro stagione europea. Tuttavia, non è un avversario da sottovalutare: ne sa qualcosa l’Atletico Madrid, costretto a due pareggi in altrettanti scontri.

Potrebbero essere proprio questi punti persi per strada a condannare i colchoneros. La compagine di Diego Simeone, infatti, affronta a Stamford Bridge il Chelsea, già qualificato. I Blues, però, si giocano il primo posto nel girone proprio con la Roma. La classifica, infatti, vede proprio gli inglesi in testa con 10 punti. Roma a 8, con due lunghezze di vantaggio sull’Atletico. Il Qarabag è fuori dai giochi, fermo a quota due. In caso di vittoria dei giallorossi, però, per l’Atletico Madrid sarebbe Europa League in qualsiasi caso.

Roma-Qarabag streaming

Roma-Qarabag si terrà domani sera, alle ore 20:45, allo stadio Olimpico di Roma. La Champions League è un’esclusiva di Mediaset Premium, che quindi la renderà possibile ai suoi utenti. La partita sarà visibile su Premium Sport (canale 370 del digitale terrestre) e Premium Sport HD (380). Inoltre, sarà visibile in diretta anche sulla app Premium Play per smartphone e tablet. Anche Canale 5 trasmetterà la partita in chiaro. Le piattaforme di streaming illegale, come Rojadirecta (da cui Calcio360 vuole dissociarsi), metteranno a disposizione degli utenti la partita.

Roma-Qarabag probabili formazioni

La Roma si gioca la qualificazione, e quindi punta sui suoi uomini migliori. A centrocampo tornano Nainggolan e De Rossi, entrambi assenti contro la Spal (quest’ultimo per squalifica). Pronto a partire dall’inizio anche Diego Perotti, che ha dovuto saltare l’ultima di campionato per un problema muscolare. Formazione tipo, quindi, per mister Di Francesco, che rilancia anche Fazio dal primo minuto. Anche il Qarabag schiera la sua formazione migliore, disposta con un 4-2-3-1 e Ndlovu come terminale offensivo.

Roma (4-3-3): Alisson; Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov; Nainggolan, De Rossi, Strootman; Perotti, Dzeko, El Shaarawy. All. Di Francesco

Qarabag (4-2-3-1): Sehic; Medvedev, Dashdemirov, Rzeznicak, Agolli; Richard Almeida, Garayev; Elyounoussi, Michel, Madatov; Ndlovu. All. Gurbanov

 

Vai in Alto