Serie A, calciomercato, Premier League e molto altro

Category archive

In Evidenza

Lazio-Steaua Bucarest streaming e probabili formazioni

Categorie Europa League/In Evidenza/Lazio Scritto da

Lazio-Steaua Bucarest

Giovedì squadre di nuovo in campo per le gare di ritorno di Europa League, dove la Lazio dovrà rimontare dopo la sconfitta di Bucarest per 1-0. Inzaghi torna in campo con i titolari dopo il turnover dell’andata, avendo trovato una Steaua Bucarest che ha dimostrato di essere una buona squadra, ha bisogno dei suoi uomini più in forma per passare il turno . Lazio-Steaua Bucarest si giocherà allo Stadio Olimpico di Roma alle ore 19:00 di giovedì 22 febbraio.

La gara tra Lazio e Steaua Bucarest sarà trasmessa in diretta esclusiva su Sky: appuntamento su Sky Sport 3. La gara sarà visibile in streaming anche su laptop, smarthphone e tablet grazie al servizio Sky Go.

Come anticipato, a differenza dell’andata Inzaghi dovrebbe proporre più titolari per provare a rimontare e passare il turno: Immobile in avanti con Luis Alberto, ma con la possibilità di Felipe Anderson. Lukaku e Basta giocheranno sugli esterni, con Parolo, Leiva e Milinkovic-Savic a centrocampo. Davanti a Strakosha Wallace, Radu e De Vrij. Squalificato Luiz Felipe. Per quanto riguarda gli ospiti, invece, lo schema dovrebbe essere il canonico 4-2-3-1 con il match winner dell’andata, il francese Harlem Gnohorè (soprannominato “Il bisonte”) nel ruolo di prima punta.

Formazioni

LAZIO (3-5-1-1): Strakosha; Wallace, De Vrij, Radu; Basta, Parolo, Leiva, Parolo,Milinkovic-Savic, Lukaku; Luis Alberto; Immobile.

STEAUA BUCAREST (4-2-3-1): Vlad; Benzar, Planic, Gaman, Momcilovic; Pintilii, Filip; Man, Budescu, Tanase; Gnohere.

25 giornata di Serie A: non cambia nulla in vetta, volano le romane, speranza Benevento?

Categorie Approfondimenti/Calcio/In Evidenza/News/Primo piano Scritto da
25 giornata serie A

Al termine della 25 giornata di Serie A non cambia nulla in vetta (vincono Juventus e Napoli), successo anche per le romane in zona Champions (l’Inter invece cade a Genova) e in coda pesantissima vittoria del Benevento sul Crotone che potrebbe riaprire una minima speranza salvezza. Ma andiamo con ordine.

Napoli e Juventus continuano il loro duello a distanza. Allegri (dopo lo sfogo in conferenza post-Champions League),  ribalta la formazione in vista del derby (anticipo domenicale delle 12.30) e propone Alex Sandro nel tridente offensivo: è proprio il brasiliano che, al 33′ minuto, raccoglie un tiro-cross di Bernardeschi regalando una vittoria di vitale importanza nel derby di Torino.

Alle 15.00 risponde il Napoli: Allan regala i tre punti alla squadra di Sarri. I partenopei conquistano la vittoria con il minimo sforzo riprendendosi di fatto il primo posto in classifica (+1 sulla Juventus).

In zona Champions League apre la Roma (in campo sabato alle ore 15.00) in casa dell’Udinese: Under e Perotti regalano il terzo posto alla squadra di Di Francesco. L’Inter, chiamata a rispondere ai giallorossi, cade in casa del Genoa: apre un autogol sciagurato di Ranocchia (“colpito” dal rinvio di Skriniar) e la chiude Goran Pandev al 59′ (ennesimo gol ad una sua ex squadra). Per gli uomini di Spaletti è la terza sconfitta in campionato, che rischia di pregiudicare il cammino verso l’Europa “che conta”. Risponde anche la Lazio (impegnata nel posticipo contro il Verona) grazie ad una doppietta di Ciro Immobile, che fa tornare il sorriso dalle parti di Formello, dopo le recenti sconfitte.

25 giornata serie A: la lotta Champions è apertissima

Roma 50, Lazio 49, Inter 48.

Anche l’Europa League è avvincente: lo scontro diretto tra Milan (settimo posto in classifica) e Sampdoria (sesta forza del campionato), se lo aggiudicano i rossoneri grazie a Giacomo Bonaventura. Meriti a Gennaro Gattuso che ha (ri)compattato l’ambiente, risanando una squadra che sembrava aver perso certezze già nel girone di andata.

In coda la sorpresa di giornata è il Benevento: vittoria per 3-2 sul Crotone (rivitalizzato dalla cura Zenga) al termine di una partita bellissima, grazie al gol di Cheick Diabate al minuto 89′. Ora i campani sono a -11 dalla salvezza (ultimo posto “salvezza” occupato proprio dal Crotone) e chissà che il tecnico De Zerbi non abbia trovato qualche speranza in più.

Ora la zona retrocessione recita: Spal 17, Verona 16, Benevento 10.

Le altre partite. 1-1 tra Atalanta e Fiorentina (reti di Badelj e Petagna). Cade il Sassuolo (2-1 sul campo del Bologna, grazie alla punizione di Pulgar); vince il Chievo sul Cagliari (reti di Giaccherini ed Inglese per i clivensi, Pavoletti per i rossoblu).

TOP, IN e OUT della 25 giornata serie A

TOP: Juventus (vittoria pesantissima in casa del Torino)

IN: Benevento (successo di vitale importanza per credere ancora nel miracolo salvezza)

OUT: Inter (fatica tantissimo ad uscire dalla crisi di risultati e di gioco): sarà la mentalità “fragile” che lamenta Spalletti?

25 giornata serie A
25 giornata serie A

 

 

Outsiders ep.2, la locomotiva russa che sogna in grande

Categorie Approfondimenti/Calcio/Calcio Estero/Europa League/In Evidenza Scritto da
Outsiders ep.2

Nella Russia dei milioni e dei petroldollari, per ora, trionfa la dedizione e la “filosofia” del lavoro della Lokomotiv Mosca. La terza squadra di Mosca per palmares, è prima solitaria nella Premier Division Russia e stupisce in Europa League. Meriti? Tanti, ma soprattutto uno, anzì un nome: l’allenatore Yuri Semin.

Il derby più sentito è quello con il CSKA Mosca, la grande rivale di sempre della Lokomotiv.

Nel secondo episodio di “Outsiders” andremo a conoscere meglio una delle sorprese “meno elogiate” d’Europa, nella stagione corrente. Una squadra che, nonostante gli sfavori del pronostico e un mercato di medio spessore, sta macinando vittorie e risultante anche in Europa. Stiamo parlando della Lokomotiv Mosca di Yuri Semin.

OUTSIDERS ep.2, LOKOMOTIV MOSCA: LA STORIA DEL CLUB 

La Lokomotiv Mosca fu fondata nel 1922 e rappresentava l’unione dei migliori calciatori tra i KOR dell’ex-URSS (associazioni di lavoratori ferroviari). Nel periodo “sovietico” la storia della Lokomotiv stentò a decollare. Arrivarono solo due trofei, ovvero la doppietta di Coppe dell’Unione Sovietica a cavallo dell’inizio e del decennio post Seconda guerra mondiale. La fama della squadra di Mosca non era invidiabile, anzì: la caratteristica principale era l’uniforme verde-rossa, che tutt’ora sono i colori sociali del club.

La svolta arrivò dopo la caduta dell’URSS. La Lokomotiv, da allora, ha sempre partecipato alla Premier Division Russa ed ha conquistato 2 Campionati Russi (2002, 2004) e 6 volte la Coppa di Russia (1995-1996, 1996-1997, 1999-2000, 2000-2001, 2006-2007, 2014-2015, 2016-2017) e 2 Supercoppe di Russia (2003, 2005). I notevoli progressi sul campo coincidono con la costruzione del nuovo stadio “Lokomotiv”, oggi “RZD Arena”, che è la nuova casa della Lokomotiv dal 2002.

La RZD Arena, ex “Lokomotiv Stadium”, alla nuova inaugurazione nel dicembre 2017.
Yuri Semin, il profete ed attuale allenatore della Lokomotiv Mosca. E’ l’allenatore più vincente nella storia del club.

L’esplosione e l’ascesa dei “ferrovieri” di Russia fu determinata dall’avvento di uno dei profeti del calcio russo del dopo URSS: Yuri Semin. L’allenatore russo, che poco aveva saputo vincere da giocatore, creò una squadra quasi imbattibile in quegli anni, capitanata dalle figure di Dmitrij Los’kov e di Vladimir Maminov (recordmen di presenze del club con 421 e 401 apparizioni). In quegli anni, la Lokomotiv Mosca si affacciò per le prime volte in Europa con plurime apparizioni sia in Champions League che in Coppa Uefa (attuale Europa League).

 

OUTSIDERS  ep.2, LOKOMOTIV MOSCA: LA TERZA “ERA” SEMIN 

Dopo quasi 15 anni di vittorie e di gloria in patria, la Lokomotiv sembra patire i conti con la fortuna. Tutti gli artefici del trionfale cammino verso la storia del club abbandonano: prima Semin, poi Maminov e Los’kov. Arrivano anni bui per il club rosso-verde, che coincidono con qualche problema anche a livello societario. La squadra perde notevolmente smalto e fa registrare i risultati peggiori della sua storia recente (post URSS). Semin, dopo una breve apparizione sulla panchina della nazionale Russa, torna nella stagione 2009-2010 ma abbandona dopo appena metà stagione visti gli scarsi risultati.

La svolta arriva nel 2014. La proprietà si stabilizza e torna ad investire con regolarità sul mercato e sul settore giovanile. Alcune delle pedine dell’attuale Lokomotiv, come Manuel Fernandes, sia accasano a Mosca già in quell’anno. Arriva la quinta vittoria in Coppia di Russia che sembra smuovere l’ambiente: la Lokomotiv torna in EL, con prestazioni poco soddisfacenti.

Manuel Fernandes, 32 anni, centrocampista offensivo e centrale. Alla Lokomotiv Mosca dal 2014.

La rinascita vera e propria della Lokomotiv Mosca si registra con il terzo ritorno di Semin nel 2016. Lo storico condottiero, partendo dal suo 4-5-1 di base, opera la commistione perfetta tra veterani e giovani in un 4-2-3-1 più adatto al calcio moderno e più dinamico. Ecco la chiave e la caratteristica della Lokomotiv dei “miracoli”.

OUTSIDERS ep.2, LOKOMOTIV MOSCA: NUMERI, STATISTICHE E PROTAGONISTI DI QUESTA STAGIONE

La prima parte di questa stagione è la giusta consacrazione di un gruppo ormai maturo e pronto per vincere, nonchè il culmine del progetto di programmazione iniziato nel 2014 dalla società russa. La campagna acquisti di questa stagione non ha fatto altro che puntellare un gruppo già compatto al servizio di Semin: Kirkvelia e Rybus su tutti, con la lieta scoperta di Anton Miranchuk (dal settore giovanile).

I due fratelli Miranchuk, Anton(21) e Aleksey(22), sono diventati due punti fermi nella Lokomotiv di Semin. Grande tecnica e dribbling per i due fantasisti, che si giocano una inaspettata convocazione ai Mondiali di Russia 2018.

Proprio i fratelli Miranchuk sembrano essere i gioielli più preziosi dell’attuale rosa rosso-verde e dell’intero movimento calcistico della “madrepatria”. Due prospetti di sicuro avvenire, ma che già stanno dimostrando ottime qualità: in particolare Aleksey Miranchuk, con 7 reti e 5 assist in stagione, è in lizza per un posto ai Mondiali 2018 con la Russia padrona di casa. I due giovani sorprendono, soprattutto in EL, dove sono due dei migliori giocatori della Lokomotiv.

Squadra molto duttile e adattabile a qualsiasi impianto tattico. Il 4-2-3-1 di Semin, a ranghi completi, è il seguente: si parte con Guilherme tra i pali, difesa a 4 con Ignatjev, Kirkvelia, Pejcinovic e Lysov. La mediana è composta da Manuel Fernandes e Igor Denisov e costituisce il fulcro di questa squadra. I 3 fantasisti che spaziano dietro l’unica punta Eder o Ari, sono Aleksey Miranchuk, Jefferson Farfan ed Anton Miranchuk.

Jefferson Farfan (32 anni), capocannoniere della Lokomotiv in Premier Division Russa con 8 marcature.

Le caratteristiche principali della squadra moscovita sono la finalizzazione delle azioni da goal e l’attacco da destra, sfruttando la velocità di Farfan e la sua vena realizzativa e dimostrandosi una squadra molto cinica. La difesa, finora, sta funzionando benissimo con un super Kirkvelia che dimostra di essere un ottimo centrale su cui affidarsi. E poi, punto di forza estremamente importante è il carisma di questo gruppo. La cattiveria e la voglia di non arrendersi mai, come a Nizza pochi giorni fa: da 2-0 a 2-3 fuori casa nel secondo tempo.

Mattatore di questa stagione, il portoghese 32enne Manuel Fernandes con 12 reti in questa stagione, autore della tripletta decisiva a Nizza. Il centrocampista offensivo, utilizzato da Semin anche come trequartista, vuole a tutti i costi il mondiale “casalingo”, alla sua ultima occasione in carriera.

Il calcio di punizione del 2-2 di Manuel Fernandes contro il Nizza, match valido per l’andata dei sedicesimi di finale di Europa League.

 OUTSIDERS ep.2, LOKOMOTIV MOSCA: LE PROSPETTIVE PER IL FINALE DI STAGIONE

Se mantenesse questo livello di gioco e questa compattezza, la Lokomotiv ritornerebbe campione di Russia. Per l’EL il discorso è differente: sicuramente, la pausa del campionato russo, influirà sulla condizione fisica dei giocatori. Però, il fatto di giocare pochi incontri ravvicinati potrebbe risultare anche un notevole vantaggio in termini di stanchezza e tenuta fisica. Naturalmente, in un eventuale scontro con le favorite del torneo come Arsenal o Atl.Madrid, i “ferrovieri” partirebbero notevolmente sfavoriti. Analizzando, tuttavia, la stagione della Lokomotiv, nessuno avrebbe mai pronosticato una situazione del genere dopo 20 match di campionato e la fase a gironi di Europa League. Una cosa è certa: mai dare per finiti i “ferrovieri”, la “locomotiva russa” corre sempre veloce e non molla un centimetro!

Pierluigi Ninni

Chi è Justin Kluivert : talento sospeso tra Liga e Premier

Categorie In Evidenza/Premier League Scritto da
Chi è Justin Kluivert : talento sospeso tra Liga e Premier

Chi è Justin Kluivert? Figlio d’arte, ha recentemente rilasciato un intervista a Marca relativamente ad un suo possibile futuro lontano dall’Amsterdam Arena. Il giocatore infatti dell’Ajax è uno dei talenti da tenere maggiormente in considerazione per i prossimi anni ed ecco che tantissimi club sono sulle sue tracce.

“In quale top club preferirei giocare tra quelli che mi accostano? Il mio sogno è il Barcellona, entro sette anni mi vedo lì. Anche se il calcio inglese è di altissimo livello, a tutti piacerebbe giocare in Premier League. In ogni caso sarò io a decidere il mio futuro, non il mio agente Mino Raiola. E nemmeno mio padre”. Queste le parole del giocatore che ha già le idee molto chiare.

Chi è Justin Kluivert?

Chi è Justin Kluivert : talento sospeso tra Liga e Premier
Chi è Justin Kluivert : talento sospeso tra Liga e Premier

Facciamo un passo indietro, andiamo a scoprire chi è Justin Kluivert. Attaccante nato a Zaandam, città che ha dato i natali anche ai fratelli Erick e Ronald Koeman, il 5 maggio del 1999. Il suo cognome non può passare inosservato. Già nel 2007 il giocatore entra a far parte del settore giovanile dell’Ajax e proprio come papà Patrick  ha fatto tutta la trafila, mostrando sin da subito qualità tecniche straordinarie. Le notevoli prestazioni del giocatore non passano inosservate e il 15 Gennaio 2017 arriva il debutto in prima squadra contro il Pec Zwolle. Già dalla sua prima gara dimostra le qualità nel dribbling e proprio da una sua iniziativa è nata l’azione che ha portato al rigore poi trasformato dai lancieri. Justin assomiglia al padre solo per quanto riguarda il colore e i lineamenti del viso ma dal lato puramente calcistico viene più accostato a Ibrahim Afellay .

In campo può all’occorrenza essere usato come attaccante ma è nella posizione di esterno alto che riesce a dare il meglio di sé. Brevilineo, non velocissimo ma agile e con una tecnica notevole, il giocatore eccelle nel dribbling a cui unisce un controllo di palla strepitoso. Uno che in pochi mesi è passato dall’Under 19, alla Jupiler League (l’equivalente della nostra serie B), fino all’Eredivisie risultando sempre tra i migliori in campo non può che essere un predestinato. L’Ajax si sfrega le mani, pensando all’ennesima plusvalenza della sua storia. Ma con lei gongola anche papà Patrick, perché, ancora una volta, buon sangue non mente.E una nazionale come quella olandese recentemente eliminata dai mondiali di Russia non può prescindere da un talento così limpido.

 

Marotta spegne i rumors su Kane: “Impossibile arrivi in Italia”

Categorie In Evidenza Scritto da
Kane-Juventus

Kane-Juventus l’amministratore delegato della Vecchia Signora spegne subito i rumors e punta al realismo in ottica presente e futura. Marotta infatti ha parlato di impossibilità per i bianconeri di prendere l’attaccante del Tottenham autore ieri del gol del 2-1 e di una grande prova offensiva non solo in fase terminale e sotto porta.

Marotta ha parlato a Premium Sport del rumors Kane-Juventus con parole chiare: “No, lo nego non è possibile vedere questo scenario realizzarsi. Il motivo? Nessun team in Serie A può spendere quelle cifre, nessuno può competere con i club che per il ranking ci sono avanti a livello economico.”

Poi continua parlando di mercato ma in ottica rinnovi concentrandosi su Gigi Buffon: “Non devo dirlo io se resterà ancora, adesso è importante averlo con noi, come giocatore, averlo ritrovato in questo frangente è fondamentale. E’ un valore aggiunto inutile girarci attorno e non solo per quello che fa in campo. Il suo futuro? E’ davvero giusto che si facciano delle riflessioni molto accurate. In primis dovrà farsi delle domande lui. I rapporti? Con Buffon abbiamo un rapporto sincero”.

Steaua Bucarest-Lazio streaming e probabili formazioni

Categorie Europa League/In Evidenza/Streaming Scritto da

Steaua Bucarest-Lazio probabili formazioni

Torna l’Europa League e la Lazio riparte dalla Romania, quindi in trasferta contro lo Steaua Bucarest. Le due formazioni si sfideranno nell’andata dei sedicesimi di Europa League.

La partita si disputerà all’Arena Națională di Bucarest giovedì 15 febbraio, con fischio d’inizio previsto per le ore 21:05.

Per Inzaghi probabile turnover, soprattutto in attacco Luis Alberto e Immobile dovrebbero lasciare il posto a Nani e Caicedo. Anche De Vrij potrebbe rimanere in panchina, con Bastos, Luiz Felipe e Radu a comporre la linea difensiva. Basta e Lukaku esterni a centrocampo, insieme ad Alessandro Murgia.

Formazione solita, invece, per la Steaua Bucarest che si schiererà con un 4-2-3-1. L’unico punto di riferimento offensivo sarà Gnoheré, con capitan Tanase a svariare sulla linea dei trequartisti. In cerca del posto da titolari anche Coman in attacco e Pintilii in mezzo al campo.

LAZIO (3-5-1-1); Strakosha; Caceres, Bastos, Radu; Basta, Murgia, Leiva, Lulic, Lukaku; Nani; Caicedo.

STEAUA BUCAREST (4-2-3-1); Nita; Enache, Larie, Balase, Momcilovic; Popescu, Nedelcu; Man, Achim, Tanase; Gnoheré.

Streaming

Steaua-Lazio sarà visibile su Sky, sui canali Sky Sport 3 e Sky Calcio 2. Il match verrà inoltre trasmesso in chiaro su TV8. Sarà infine possibile seguire il match in streaming per gli abbonati Sky tramite il servizio SkyGo.

Bernardeschi: “Possiamo vincere in Inghilterra, non meritavamo il pareggio”

Categorie In Evidenza Scritto da
bernardeschi

Federico Bernardeschi è sembrato piuttosto anonimo nella sfida di Champions League contro il Tottenham: il nazionale italiano è sembrato abulico contro la difesa non proprio eccezionale degli Spurs.

Il ragazzo ha parlato dopo la sfida ai microfoni di Premium: “Possiamo ancora vincere a Londra, dobbiamo fare meglio, non meritavamo il pareggio oggi ma sapevamo delle difficoltà che avremmo incontrato.”

De Sciglio ha trovato le parole perfette per analizzare il pareggio: “Siamo stati troppo bassi dopo il 2-0 ci siamo abbassati ed abbiamo sbagliato in uscita troppi palloni. Queste le chiavi del match.”

Allegri anche ha parlato: “Nel ritorno partita secca, tocca solo vincere come a Monaco contro il Bayern. Ci siamo abbassati troppo oggi, i ragazzi positivi ma c’è troppa depressione intorno all’ambiente dopo un pareggio contro una ottima squadra.”

Betting Coppe Europee, inizia la fase ad eliminazione diretta

Categorie Betting calcio/Champions League/Europa League/In Evidenza Scritto da
Betting Coppe Europee

Betting Coppe Europee,ritorna l’appuntamento con la rubrica sul Betting, dedicata in questo caso alle coppe Europee. In CL impegnate Man. City e Juve il martedì e Real-PSG, che illuminerà i riflettori del mercoledì della competizione. Sedicesimi di finale, invece, per l’Europa League con tre italiane su quattro impegnate in trasferta.

Il grande calcio europeo torna protagonista per le prime partite della fase ad eliminazione diretta. Entra nel vivo la stagione delle coppe, con alcune delle partite più interessanti di tutto il quadro degli ottavi di Champions. Ci riferiamo in particolare, alla supersfida del “Santiago Bernabeu” tra i campioni in carica del Real Madrid e il PSG delle meraviglie, imbattuto nella prima fase. Con le quote di Goldbet, analizziamo le partite di questa “Week 1” della fase ad eliminazione delle due principali competizioni europee per club. Sempre con il betting come protagonista indiscusso..

BETTING COPPE EUROPEE, CHAMPIONS LEAGUE (13-14 FEBBRAIO)

Basilea-Man City           OVER 2,5              quota: 1,55

Torna la “schiacciasassi” della prima fase di CL. Il City di Guardiola, visto il notevole vantaggio acquisito in Premier, ha sicuramente calibrato le forze in vista del principale obiettivo di stagione: la finale in Champions. Ci sono alcune defezioni importanti come Silva, Sanè e G.Jesus; nonostante questo la squadra di Manchester resta nettamente favorita per la gara di andata ed in generale per il passaggio del turno. Sarà partita divertente, con tante occasioni da rete: il City proverà già domani a chiudere la pratica svizzera.

Juventus-Tottenham            NoGoal            quota: 1,77

Match molto più intrigante del primo. Entrambe le squadre sono in un periodo di forma invidiabile: la Juve è imbattuta da 17 partite (con un solo goal subito), gli Spurs sono imbattuti da 12 partite con l’ultima sconfitta patita a vantaggio dell’imbattibile City. Partita tirata e dove regnerà l’equilibrio, vista anche il ritorno ancora da disputare. La Juve deve evitare di subire goal e cercare di fermare l’uragano Kane.

Porto-Liverpool             X2              quota: 1,36

Il Porto non sembra essere la solita mina vagante degli ultimi anni. Nonostante questa impressione, la qualificazione agli ottavi è comunque arrivata. Dall’altra parte, i Reds devono sfruttare il sorteggio favorevole per tornare nei quarti di Champions dopo quasi 6 anni. Match complicato da leggere, poichè il “Dragao” è un campo sempre ostico da espugnare. Ci cauteliamo, quindi, con una DC OUT da bolletta.

Real Madrid-PSG        GG+OVER 2,5            quota: 1,56

L’ottavo di finale più atteso. Si sfidano due delle squadre offensivamente più forti della competizione. PSG con il miglior attacco della CL con 25 goal, Real con la BBC ormai recuperata e con 17 reti in attivo. Difese che convincono meno, ecco perchè optiamo per una partita senza pause e con tanti goal. 2-2 a 9,6 non utopico!

BETTING COPPE EUROPEE, I SEDICESIMI DI EUROPA LEAGUE (15 FEBBRAIO)

Borussia Dortmund-Atalanta      Goal                  quota: 1,65

Trasferta molto difficile per la sorprendente Atalanta di Gasperini. I bergamaschi hanno superato agevolmente il girone con Lione, Everton ed Apollon ma sono stati sfortunati al sorteggio. Di fronte si troveranno una delle favorite al successo finale dell’EL. Tuttavia, i neroazzurri giocano un buon calcio in Europa e possono dar fastidio ai vice-campioni di Germania.

Ludogorets-Milan      2                quota: 2,10

Gattuso sembra aver trovato la chiave giusta per questo Milan. 8 risultati  utili consecutivi e tanta consapevolezza acquisita. La qualificazione del Milan alla prossima CL dipende inesorabilmente dalla Europa League, visto il distacco abissale sul quarto posto in campionato. La vittoria in Bulgaria non è impresa impossibile.

FCSB-Lazio      2               quota: 1,87

Stesso discorso per la Lazio di Simone Inzaghi. Squadra molto quadrata, sia in Italia che in Europa, in questa stagione. Trasferta più ostica rispetto a quella dei rossoneri, ma alla portata di Immobile e compagni. Vittoria con il minimo scarto, 0-1 molto possibile.

Real Sociedad-Red Bull Salisburgo     1                 quota: 1,77

San Sebastian è da sempre uno dei campi più ostici in terra spagnola. Negli ultimi anni, i biancoblu della Real Sociedad hanno fermato, nelle mure amiche, sia Barca che Real. Non sarebbe insolito che gli spagnoli costruissero il loro cammino europeo verso le semifinali sfruttando, nel migliore dei modi, il fattore campo. Salisburgo in lieve calo rispetto alle scorse stagioni, quindi avversario abbordabile.

FORMAZIONI UFFICIALI Napoli-Lazio

Categorie Formazioni/In Evidenza Scritto da

Formazioni Napoli-Lazio

Diramate le formazioni ufficiali del big match del San Paolo tra Napoli e Lazio.

Albiol out, non ce la fa, al suo posto Tonelli. Inzaghi preferisce Wallace a Caceres. Gli azzurri dovranno necessariamente rispondere alla vittoria di ieri della Juventus a Firenze per riprendere la vetta della classifica e i biancocelesti sono invece chiamati a reagire dopo le sconfitte con Milan e Genoa. L’atmosfera al San Paolo si prospetta molto calda.

NAPOLI 4-3-3: Reina;Hysaj, Tonelli, Koulibaly, Mario Ruis; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon, Mertens, Insigne

LAZIO 3-5-1-1: Strakosha; Wallace, De Vrij, Radu; Marusic, Parolo, Leiva, Milikovic-Savic, Lulic;Luis Alberto, Immobile

SPAL-Milan probabili formazioni, infortunati, quote e streaming

Categorie In Evidenza/Streaming Scritto da

SPAL-Milan probabili formazioni e non solo. Infortunati, quote e streaming del match che si terrà domani pomeriggio. Impegno al sabato per i rossoneri, che giovedì saranno impegnati nell’andata dei sedicesimi di Europa League. Come vedere il match? Dove trovare le quote dei bookmakers? Noi vi daremo tutte le risposte che cercate.

Come arriva al match la SPAL

Situazione di classifica non proprio felice, quella della compagine emiliana. Gli uomini di Leonardo Semplici non vincono in campionato dal 17 dicembre dello scorso anno. Dopo il successo ottenuto contro il Benevento, sono arrivati tre pareggi e tre sconfitte, l’ultima contro il Cagliari. Questo ha permesso al Crotone di superare la SPAL, che ora quindi occupa il terzultimo posto in classifica.

Come arriva al match il Milan

I rossoneri sono in ripresa, e hanno una striscia positiva che dura da cinque giornate. La cura Rino Gattuso sembra dare i frutti sperati, e i risultati arrivano. Nell’ultimo turno, però, l’Udinese dell’ex Massimo Oddo ha inchiodato il Milan sul pari. La sesta posizione, occupata dalla Sampdoria, dista però soltanto tre lunghezze. Nulla di irrecuperabile, quindi, ma si è ben lontani dalla lotta per l’accesso alla Champions League.

SPAL-Milan orario

Il match tra SPAL e Milan è valido per la ventiquattresima giornata di Serie A. Si terrà domani pomeriggio, alle ore 15, allo stadio Paolo Mazza di Ferrara. All’andata, a San Siro, ci sono stati oltre 45mila spettatori. Il pubblico di questo match, per forza di cose, sarà molto meno numeroso.

SPAL-Milan streaming

Come vedere il match di domani pomeriggio tra SPAL e Milan? La partita sarà trasmessa, come di consueto, in esclusiva per gli abbonati alle piattaforme digitali. I clienti di Mediaset Premium e Sky, infatti, potranno vedere la gara in chiaro e anche in HD. Sintonizzate i vostri decoder sui canali di sport e calcio, mettetevi comodi e godetevi lo spettacolo!

Se non avete un decoder o una tessera Premium, non disperate. C’è una soluzione anche per voi. Internet, come al solito, mette a disposizione una serie infinita di siti di streaming. Tra questi il più celebre è senza ombra di dubbio Rojadirecta, che consente la visione delle partite attraverso diversi canali. Un altro sito molto gettonato è First Row, molto simile a Rojadirecta. In ogni caso si tratta di soluzioni illegali, e ne sconsigliamo l’utilizzo proprio per questo motivo.

SPAL-Milan indisponibili

Francesco Vicari, assente contro il Milan per squalifica

Tre assenti per parte per la sfida del Paolo Mazza. I padroni di casa dovranno fare a meno del centrale Vicari, che dovrà scontare un turno di squalifica. Assenti anche Konaté, frattura al piede, e Borriello, uno degli ex di turno. Il centravanti campano, infatti, sta facendo i conti con un ematoma muscolare. Nei rossoneri mancherà lo squalificato Calabria, espulso contro l’Udinese. Mancheranno anche il lungodegente Conti, che rientrerà il mese prossimo, e Storari. Anche per il portiere, però, il rientro è vicino.

SPAL-Milan quote

Vi servono le quote dei bookmakers per il match tra SPAL e Milan? Nessun problema, abbiamo pensato anche a questo. Il sito di scommesse bwin fornisce le quote, che sono comunque in aggiornamento. La vittoria del Milan viene data a 1.78, mentre quella della SPAL è data a 4.75. Favoriti, quindi, i rossoneri, ma scommettere sugli emiliani potrebbe rivelarsi redditizio. Il pareggio tra le due squadre, invece, viene dato a 3.60.

SPAL-Milan probabili formazioni

Come detto, saranno tre gli indisponibili per mister Semplici: Vicari, Konaté e Borriello. A prendere il posto del centrale difensivo, quindi, dovrebbe essere Salamon. Ci sono diversi ballottaggi: in mezzo al campo Everton Luiz reclama posto, a fargli spazio potrebbe essere Viviani. Mattiello, invece, si gioca il posto dall’inizio con Costa. In avanti, sicuro del posto Antenucci, si giocano il posto Paloschi, Floccari e Schiattarella. Favorito il primo, altro ex della gara.

Mister Gattuso deve fare i conti, in particolare, con l’assenza di Calabria. Resta quindi titolare Abate, mentre rientra Rodriguez, assente contro l’Udinese. Sarà quindi lo svizzero a giocare sulla sinistra. Lotta tra Biglia, favorito, e Montolivo per il posto in cabina di regia. Verso il forfait Kalinic, a prenderne il posto dovrebbe essere Cutrone. Calhanoglu, positivo nelle ultime uscite, è insidiato da Borini, che reclama spazio.

Probabili formazioni

SPAL (3-5-1-1): Meret; Cionek, Salamon, Felipe; Lazzari, Kurtic, Viviani, Grassi, Mattiello; Paloschi, Antenucci. All. Semplici

MILAN (4-3-3): Donnarumma G.; Abate, Bonucci, Romagnoli, Rodriguez; Kessié, Biglia, Bonaventura; Suso, Cutrone, Calhanoglu. All. Gattuso

Napoli-Lazio streaming e probabili formazioni

Categorie Formazioni/In Evidenza/Streaming Scritto da
napoli lazio formazioni

Le probabili formazioni di Napoli-Lazio

Il big match della 24° giornata di Serie A è quello che si disputerà al San Paolo tra Napoli e Lazio, in programma sabato 10 febbraio alle 20.45.

I partenopei, che scenderanno in campo conoscendo già il risultato della Juventus, devono vincere per mantenere il primo posto. Gli uomini di Inzaghi, invece, vogliono riscattarsi dopo le due sconfitte consecutive contro Milan e Genoa.

I dubbi di Sarri sono legati sopratutto a Dries Mertens, uscito con una caviglia dolorante dal match con il Benevento; se il belga non riuscisse a scendere in campo è pronto Zieliński per completare il tridente offensivo.  Per il resto la formazione non subirà variazioni rispetto alle ultime giornate. Buone notizie invece per Inzaghi, che rispetto alla sconfitta contro il Genoa, ritroverà dal primo minuto Milinkovic-Savic e Lulic. Nei tre di difesa potrebbe confermare dal primo minuto Caceres.

NAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon, Mertens/Zieliński, Insigne. Allenatore: Sarri

LAZIO (3-4-2-1): Strakosha; Caceres, de Vrij, Radu; Marusic, Leiva, Parolo, Lulic; Milinkovic-Savic, Luis Alberto; Immobile. Allenatore: Inzaghi

Streaming Napoli-Lazio

La gara verrà trasmessa in differita sui canali a pagamento di Sky e Mediaset Premium. Per chi, invece, vorrà vedere la gara in streaming potrà usufruire del servizio offerto dalle applicazioni Sky Go e Premium Play.

Lautaro Martinez, l’erede di Milito che sogna in grande

Categorie In Evidenza Scritto da
Lautaro Martinez

Andiamo a scoprire il talento di Lautaro Martinez, l’erede designato di Milito e da Milito che potrebbe sbarcare nel nostro campionato.

Bahia Blanca sorge 550 km a sud ovest di Buenos Aires e dista pochi chilometri dal confine con la Patagonia. E’ una delle città più floride di tutta l’Argentina, il tasso di analfabetismo e il livello di mortalità infantile  sono fra i più bassi del paese.  E’ considerata la capitale della pallacanestro avendo dato i natali a diverse leggende del basket nostrano vedi Emanuel Ginobili (non credo abbia bisogno di presentazioni) e Sergio Hernandez  (attuale commissario della nazionale).

In questa città il 22/08/1997 nasce Lautaro Martinez il protagonista di molti intrecci di mercato in questa finestra di Gennaio. Bahia Blanca è una città che ti impone di scegliere tra basket e calcio. Pur appassionato di entrambi gli sport, Lautaro opta per il futbol, spinto dai propri famigliari. Loro hanno giocato un ruolo fondamentale nella carriera dell’atleta. Alcuni problemi di salute del fratello Alan, e un po’ di nostalgia da casa, spinsero il giocatore in forza al Racing Avellaneda ad abbandonare le sue ambizioni calcistiche. Solo l’intervento del suo compagno Braian Mansilla (altro talento di cui sentiremo parlare) ne scoraggiò un prematuro ritorno a casa.

I due sono grandissimi amici. Formano una straordinaria coppia in grado di infuocare la tifoseria del “Cilindro de Avellaneda” (soprannome dello stadio Domingo Péron dove gioca il Racing). Mansilla agisce più come seconda punta e fa della velocità il suo punto di forza. Martinez, invece, è più finalizzatore, sfruttando la sua abilità negli spazi stretti e nel gioco spalle alla porta. Punta centrale, molto mobile, ha una buona tecnica di base e uno spiccato senso del gol. Come molti attaccanti di razza ama scattare sul filo del fuorigioco, prendendo di sorpresa le difese avversarie. 179 cm, calcia con entrambi i piedi ed è un abile colpitore di testa, sfruttando la sua notevole elevazione. Nel Racing ha diversi mentori. Tra, questi, il Principe Diego Milito (ora dirigente del club) e Lisandro Lòpez , ex giocatore di Lione e Porto.

Lautaro Martinez: chi lo cerca?

L’Inter ha già richiesto un summit con l’agente del giocatore Rolando Zarate (fratello di Maurito) e proprio la presenza dell’ex nerazzurro potrebbe essere un particolare non di poco conto . Il Racing ha già fatto sapere dal proprio entourage che fino a Giugno il giocatore non si muoverà dal “Cilindro”. Su di lui sono vigili anche il Real Madrid, il Torino, alcuni club inglesi e pare che anche il Ds Monchi si sia informato sul giocatore.

Nel 2017 “El Toro” così viene soprannominato in patria Martinez è diventato capocannoniere del Sudamericano Sub -20 ed ha partecipato ai Mondiali Under 20 con la sua nazionale. Le premesse per diventare fenomeno ci sono tutte e l’età è dalla sua parte.

F.A. Cup: ecco l’analisi del quarto turno

Categorie In Evidenza/Premier League Scritto da
F.A. Cup

Quarto turno di F.A. Cup e le sorprese non mancano di certo: il Nottingham Forest, infatti, ha eliminato l’Arsenal. In quel del City Ground, i Gunners si sono letteralmente suicidati (complice il solito, diversamente immarcescibile profeta al contrario dell’Alsazia). Il Forest farà visita all’Hull City del neo tecnico Nigel Atkins. Si tratta dell’uomo del “miracolo Southampton” che torna finalmente su una panchina importante dopo quasi un anno e mezzo. Atkins merita un capito a parte. Arrivato ai Saints nel 2010, fu in grado di portare il Southampton dalla League One alla Premier League con due promozioni consecutive.

Venne esonerato il 18 gennaio 2013, con la squadra penultima in classifica. Le successive esperienze al Reading e allo Sheffield furono poco felici. Al Reading arrivò troppo tardi per salvare la squadra dalla retrocessione in Championship. Con i biancorossi, invece, fece un mediocre campionato, concluso con l’11° posto finale. A discapito di ciò, rimane un bravissimo allenatore. Eredita una situazione resa disastrosa da una gestione scellerata. Gli artefici, un presidente impazzito quale Assem Allam e un allenatore da settima categoria moldava quale Leonid Slutsky.

F.A. Cup: Yeovil Town – Manchester United

Alcune parole vanno spese per lo Yeovil Town che riceverà il Manchester United. Che storia quella dello Yeovil: il suo allenatore è Darren Way, trentanove anni ed una vita in “bianco verde”. Way è stato un signor centrocampista di Norwich e Swansea tra la fine degli anni ’90 e l’inizio del nuovo millennio. La sua, però, è una storia straordinaria.

Il 17 dicembre del 2008 Darren sta preparando il trasloco. Sta caricando in macchina alcuni scatoloni da portare nella sua “Nuova” vecchia casa di Yeovil, appena concluso il trasferimento. È seduto sul sedile del passeggero e, dopo pochi tratti di strada, la macchina su cui viaggiava viene travolta da un’altra vettura, proveniente da sinistra. Un impatto a 140 Km/h devastante.

Darren perde immediatamente i sensi e le sue gambe rimangono letteralmente bloccate tra le lamiere. I soccorsi arrivano subito ma la situazione è gravissima. Ci mettono quasi 4 ore ad estrarlo dalla vettura. Tutti sono convinti che perderà almeno una gamba, la sinistra, e per ore ed ore si teme addirittura per la vita. Darren si salverà e tornerà addirittura a giocare, vestendo la maglia del suo Yeovil per altre 23 volte. Ora di quella squadra è un allenatore amato ed un condottiero indiscutibile. Domani si troverà di fronte Josè Mourinho, e proverà a vincere la sua seconda partita più importante della vita.

F.A. Cup: SOUTHAMPTON-WATFORD

Una delle poche sfide che vede opposte due squadre di Premier: il Southampton ospita gli Hornets, freschi di licenziamento del portoghese Marco Silva. Il nuovo tecnico è Javi Gracia, una vita in Liga tra Almeria, Osasuna, Malaga ed ex tecnico del Rubin Kazan.  L’ultima volta che le due squadre si sono affrontate in FA Cup era il 13 aprile 2003. Era la semifinale e si giocava al Villa Park. Vinse il Southampton di Gordon Strachan, che poi perse la finale contro l’Arsenal. L’ultimo incontro tra le due in FA Cup in casa dei Saints risale addirittura al 17 febbraio 1963 e finì 3-1 per i padroni di casa.

F.A. Cup: CARDIFF CITY-MANCHESTER CITY

Fresco di finale di Carabao Cup conquistata, il City si tuffa nel terzo dei quattro obiettivi stagionali. La FA Cup, infatti, manca dal 2011. Da quel momento in poi solo delusioni, tra cui una finale persa. Finale persa in maniera tanto inverosimile quanto meritata contro il già retrocesso Wigan di Roberto Martinez. L’allenatore di quel City era Roberto Mancini, che riuscì nella non facile impresa di farsi dare una lezione di calcio da una squadra che valeva trecentosettanta milioni in meno.

Mancini venne giustamente esonerato dopo aver concluso quella stagione senza titoli. Anzi, con due eliminazioni consecutive ai gironi di Champions League. Al suo posto arrivò Manuel Pellegrini che portò Premier, Coppa di Lega, e una semifinale di Champions. Sarà ospite del Cardiff, terzo classificato in Championship e che ha avuto bisogno del replay per avere la meglio del Mansfield Town. Neil Warnock cerca il colpaccio tra le mura amiche.

F.A. Cup: CHELSEA-NEWCASTLE

Due allenatori, Antonio Conte e Rafael Benitez, che non stanno passando ore e settimane particolarmente allegre. Il Chelsea torna a giocare una gara di coppa dopo la bruciante eliminazione in semifinale di Carabao Cup contro l’Arsenal. Sul mercato, inoltre, ancora non ha completato i tanto attesi trasferimenti di Edin Dzeko ed Emerson Palmieri.

Il Newcastle, invece, è sempre alle prese con il cambio societario ed i problemi che ne conseguono. Il mercato è bloccato, Benitez comincia (invero non ha mai smesso) a storcere il naso. La squadra va rinforzata per staccarsi definitivamente la zona retrocessione. E’ arrivato solo Kenedy, in prestito proprio dai Blues ma ovviamente non è il rinforzo che cerca il tecnico spagnolo. Ci sono tanti obiettivi ma prima c’è da tentare l’impresa a Stamford Bridge. Quello stesso stadio che non lo ha mai amato nei sei mesi trascorsi a Londra. Dopo l’esonero di Roberto Di Matteo, nonostante l’Europa League vinta nel 2013. Sliding-doors agrodolce per Rafa.

F.A. Cup: LIVERPOOL-WEST BROMWICH ALBION

Il caso Rondon è al centro dell’attenzione in questa partita. Sì, perché l’attaccante venezuelano sembra molto vicino ai Reds e potrebbe giocare la sua ultima partita con i Baggies proprio contro la sua probabile futura squadra. I Klopp’s boys devono cancellare la scioccante eliminazione dello scorso anno. Un anno fa persero 2-0 in casa contro il Wolverhampton di Paul Lambert (oggi tecnico dello Stoke). Di fronte hanno un WBA che negli ultimi anni è quasi sempre uscito al primo turno (che per le squadre di Premier è il terzo). L’unica eccezione nella stagione 2014-2015 quando sono stati sconfitti dall’Aston Villa agli ottavi di finale (sesto turno).

Dovrebbero essere delle formalità le qualificazioni del Tottenham, ospite del Newport County, e del West Ham, ospite del Wigan (su quest’ultima però nutriamo delle riserve). Impegno facile anche per l’Huddersfield che riceverà la seconda squadra di Birmingham.

Napoli-Bologna streaming e probabili formazioni

Categorie In Evidenza/Streaming Scritto da

Napoli-Bologna streaming e probabili formazioni – Uno degli incontri più attesi della ventiduesima giornata di Serie A è quello tra Napoli e Bologna. I partenopei, capolista del campionato, devono portare a casa la vittoria per tenere dietro la Juventus. I bianconeri, impegnati nella serata di sabato, proveranno il temporaneo sorpasso. Gli uomini di Maurizio Sarri sono determinati e vogliosi di prendersi i tre punti.

Il Bologna, dall’altro lato, naviga a metà classifica ma vuole raggiungere la fatidica quota 40 punti il prima possibile. La compagine guidata da Roberto Donadoni, infatti, cerca la certezza della salvezza. Tuttavia, la trasferta al San Paolo non sarà delle più semplici. Inoltre, Simone Verdi giocherà la gara dopo aver detto di no proprio ai partenopei. L’esterno dei felsinei spera di fare bene, anche se l’accoglienza nei suoi confronti non sarà delle migliori.

Napoli-Bologna streaming

Napoli-Bologna streaming – La partita tra Napoli e Bologna si terrà domenica, alle ore 15, allo stadio San Paolo di Napoli. Sarà trasmessa in esclusiva per gli abbonati alle piattaforme digitali. Sky mette a disposizione il canale Sky Calcio 1. Mediaset Premium, invece, la trasmetterà sul canale Premium Sport 2. La partita sarà a disposizione degli abbonati anche tramite le apposite app per smartphone e tablet. Sky Go e Premium Play, infatti, consentono la visione della gara in chiaro anche su dispositivi mobili.

In alternativa a queste app, inoltre, esistono sistemi non legali per vedere le partite. Tra questi vi è Rojadirecta, che permette lo streaming di diversi eventi sportivi. Dal calcio al basket, passando per la MotoGP e la Formula Uno. Tuttavia, essendo questi streaming illegali, noi ne sconsigliamo l’utilizzo. Un’altra alternativa, sempre illegale, è rappresentata dal sito web First Row. Anche quest’ultimo consente agli utenti di vedere le partite in diretta.

Napoli-Bologna probabili formazioni

Unici assenti per mister Sarri saranno i lungodegenti Ghoulam e Milik. Per il resto tutti a disposizione, compreso il nuovo acquisto Machach. Per il francese è in arrivo la prima convocazione. Recuperato Hamsik, che quindi dovrebbe partire dal primo minuto. Verso la panchina Zielinski, che troverà spazio a gara in corso. Pochi dubbi per il tecnico toscano, che schiererà la formazione tipo.

Donadoni arriva alla sfida contro i partenopei con Maietta in forte dubbio. Il difensore, infatti, è alle prese con un problema alla caviglia. Questo, però, potrebbe non precludergli il posto da titolare. Al suo fianco dovrebbe essere confermato De Maio. Panchina, invece, per Helander e Gonzalez. A centrocampo, certi del posto Poli e Dzemaili, si giocano un posto Pulgar e Donsah. Il favorito per partire dal primo minuto sembra essere proprio il ghanese.

Probabili formazioni

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon, Mertens, Insigne. All. Sarri

Bologna (4-3-3): Mirante; Mbaye, De Maio, Maietta, Masina; Poli, Dzemaili, Donsah; Verdi, Destro, Palacio. All. Donadoni

Roma-Sampdoria streaming e probabili formazioni

Categorie In Evidenza/Streaming Scritto da

Roma-Sampdoria streaming e probabili formazioni – Il posticipo della ventiduesima giornata di Serie A mette di fronte Roma e Sampdoria. Le due compagini, che si sono affrontate ieri nel recupero della terza giornata, si affrontano nuovamente a campi invertiti. I giallorossi, che hanno strappato il pareggio in extremis, contano di portare a casa il successo tra le mura amiche. Gli uomini di Eusebio Di Francesco, infatti, sperano di poter tenere il treno che porta alla Champions League, e per farlo occorre vincere.

Dall’altro lato, la Sampdoria ha molto da recriminare. Il mancato successo ha impedito loro di allungare ulteriormente sul Milan, che ora dista tre lunghezze. Inoltre, nella stessa gara c’è stato l’infortunio occorso a Fabio Quagliarella, autore del gol del vantaggio. Una brutta notizia per Marco Giampaolo, che spera di poter avere a disposizione l’attaccante campano per la sfida di domenica sera.

Roma-Sampdoria streaming

Roma-Sampdoria streaming – La partita tra Roma e Sampdoria si terrà domenica, alle ore 20:45, allo stadio Olimpico di Roma. Sarà trasmessa, come di consueto, in esclusiva per gli abbonati alle piattaforme digitali. Sky mette a disposizione della gara i canali Sky Supercalcio e Sky Sport 1. Mediaset Premium, invece, la trasmetterà sul canale Premium Sport. La partita, inoltre, sarà a disposizione degli utenti anche grazie all’apposita app per dispositivi mobili. Sky Go e Premium Play, infatti, metteranno a disposizione la partita anche per smartphone e tablet. Infine, gli utenti avranno a disposizione anche i siti di streaming illegale, tra cui Rojadirecta e First Row.

Roma-Sampdoria probabili formazioni

Sicuro assente il lungodegente Karsdorp, rischiano di non farcela anche Perotti, De Rossi ed El Shaarawy. Difficile il recupero dell’argentino, alle prese con un problema muscolare. Stesso discorso per il Faraone, che però potrebbe essere della partita. Il capitano, vittima di un problema fisico, stringe i denti e spera di esserci. In difesa sarà ballottaggio tra Manolas e Juan Jesus, con il greco favorito. Verso la conferma, in mezzo al campo, Pellegrini. In attacco potrebbe essere riproposto Gerson, favorito su Bruno Peres. Dall’altro lato, Schick sembra essere in vantaggio su Defrel.

Mister Giampaolo deve fare i conti con l’assenza di Praet. Il belga, infatti, ha accusato un problema muscolare e sarà out. Rischia di saltare la gara anche Quagliarella, anch’egli alle prese con un problema muscolare. Rientra Sala, che però partirà dalla panchina. Ferrari favorito su Regini per un posto al fianco di Silvestre, mentre sull’out di sinistra dovrebbe giocare Strinic. A centrocampo dal primo minuto Barreto. In attacco, in caso di assenza di Quagliarella, saranno Caprari e Kownacki a giocarsi un posto.

Probabili formazioni

Roma (4-3-3): Alisson; Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov; Pellegrini, Strootman, Nainggolan; Gerson, Dzeko, Schick. All. Di Francesco

Sampdoria (4-3-1-2): Viviano; Bereszynski, Silvestre, Ferrari, Strinic; Linetty, Torreira, Barreto; Ramirez; Quagliarella, Zapata. All. Giampaolo

 

SPAL-Inter streaming e probabili formazioni

Categorie In Evidenza/Streaming Scritto da

SPAL-Inter streaming e probabili formazioni – Il match dell’ora di pranzo della domenica mette di fronte la SPAL e l’Inter. Gara importante per i padroni di casa, che occupano il terzultimo posto in classifica. La zona salvezza non è lontana, ma il sorpasso del Crotone non è incoraggiante. La compagine allenata da Leonardo Semplici, però, vuole continuare a sperare e conta di fare risultato.

Dall’altra parte c’è un’Inter che non sa più vincere. Nelle ultime sei gare, infatti, sono arrivati quattro pareggi e due sconfitte. In questo arco di tempo, quindi, i nerazzurri sono passati da capolista al quarto posto. La Lazio, terza, dista infatti tre lunghezze. Luciano Spalletti vuole conquistare i tre punti per invertire il trend e continuare la corsa verso la Champions League. Al momento, infatti, il quarto posto vale i preliminari di coppa.

SPAL-Inter streaming

SPAL-Inter streaming – La partita tra SPAL e Inter si terrà domenica, alle ore 12:30, allo stadio Paolo Mazza di Ferrara. La gara sarà trasmessa, come di consueto, in esclusiva per gli abbonati alle piattaforme digitali. Sky metterà a disposizione i canali Sky Supercalcio e Sky Calcio 1. Mediaset Premium, invece, la trasmetterà sul canale Premium Sport. Sky Go e Premium Play, inoltre, saranno a disposizione degli abbonati per vedere la gara in chiaro su smartphone e tablet. Infine, a disposizione degli utenti ci saranno anche i siti di streaming illegale, tra cui Rojadirecta e First Row.

SPAL-Inter probabili formazioni

Per mister Semplici una sola assenza certa, quella di Konaté. In dubbio ci sono due dei centravanti, ovvero Borriello e Paloschi. Il primo, alle prese con un problema muscolare, difficilmente recupererà. Da valutare l’impiego del secondo, alle prese con l’influenza. Verso la conferma dal primo minuto Cionek, con Salamon nuovamente in panchina. Sull’out di sinistra, Costa è favorito su Mattiello. In attacco dovrebbe giocare Floccari al fianco di Antenucci.

Unico assente per i nerazzurri è il lungodegente Vanheusden. Spalletti avrà a disposizione il nuovo acquisto Rafinha, che sarà subito convocato e potrebbe vedere il campo. Sull’out di sinistra in difesa potrebbe essere provato D’Ambrosio, che relegherebbe in panchina sia Nagatomo che Santon. A centrocampo si giocano un posto Gagliardini e Brozovic, con il croato in vantaggio per affiancare Vecino. Confermato anche Cancelo sull’out di destra.

Probabili formazioni

SPAL (3-5-2): Gomis; Cionek, Vicari, Felipe; Lazzari, Kurtic, Viviani, Grassi, Costa; Floccari, Antenucci. All. Semplici

Inter (4-2-3-1): Handanovic; Cancelo, Skriniar, Miranda, D’Ambrosio; Brozovic, Vecino; Candreva, Borja Valero, Perisic; Icardi. All. Spalletti

 

Milan-Lazio streaming e probabili formazioni

Categorie In Evidenza/Streaming Scritto da
leiva

Milan-Lazio streaming e probabili formazioni – La ventiduesima giornata di Serie A propone lo scontro tra il Milan e la Lazio. I rossoneri, che fino a qui non sono stati sorprendenti, si sono ripresi nelle ultime giornate. Sotto la guida di Rino Gattuso sono arrivati risultati incoraggianti. Le vittorie contro Crotone e Cagliari, infatti, possono essere la giusta iniezione di fiducia. Al momento i rossoneri occupano la settima posizione in classifica, a tre punti dalla Sampdoria, sesta.

Ben diversa la classifica della Lazio, autentica rivelazione di questo campionato. La squadra guidata da Simone Inzaghi, infatti, occupa la terza posizione in classifica, a 8 punti di distacco dal Napoli capolista. Il rotondo successo del recupero contro l’Udinese ha lanciato ulteriormente i biancocelesti. Nonostante l’assenza di Ciro Immobile, la squadra è riuscita a conquistare ugualmente i tre punti. La Lazio vuole vincere per blindare il terzo posto, che varrebbe la qualificazione ai preliminari di Champions League.

Milan-Lazio streaming

Milan-Lazio streaming – La partita tra Milan e Lazio si terrà domenica, alle ore 18, allo stadio Giuseppe Meazza di Milano. La partita sarà visibile, come di consueto, in esclusiva per gli abbonati alle piattaforme digitali. Sky propone la gara su tre canali: Sky Sport 1, Sky Supercalcio e Sky Calcio 1. Mediaset Premium, invece, la mette a disposizione sul canale Premium Sport. Anche le rispettive app per smartphone e tablet, Sky Go e Premium Play, trasmetteranno la gara in diretta. Infine, saranno a disposizione degli utenti i siti di streaming illegale, come Rojadirecta.

Milan-Lazio probabili formazioni

Il Milan arriva alla sfida con un’assenza pesante: si tratta di Rodriguez, espulso contro il Cagliari. Per sostituire lo svizzero sarà duello tra Abate e Antonelli. Se dovesse partire titolare il primo, a sinistra giocherebbe Calabria. Verso la conferma Kalinic, con Cutrone che partirà nuovamente dalla panchina. Probabile partenza dal 1′ anche per Calhanoglu, positivo nelle ultime uscite. Ancora panchina, invece, per Borini. Assenti anche il lungodegente Conti e Storari, alle prese con un problema al polpaccio.

Nella Lazio rientra Radu, assente nell’ultimo turno per squalifica. Il rumeno partirà dal primo minuto, così come dovrebbe essere titolare Caceres. L’uruguayano si gioca un posto con Bastos, in gol contro il Chievo, e Wallace. Preoccupano le condizioni di Immobile, uscito anzitempo contro il Chievo e assente contro l’Udinese. Il capocannoniere del campionato vuole esserci, ma è ancora in dubbio. Se non dovesse farcela, sarà confermato Felipe Anderson dal primo minuto. Unico assente, il lungodegente Di Gennaro.

Probabili formazioni

Milan (4-3-3): Donnarumma G.; Abate, Bonucci, Romagnoli, Calabria; Kessié, Biglia, Bonaventura; Suso, Kalinic, Calhanoglu. All. Gattuso

Lazio (3-4-2-1): Strakosha; Caceres, De Vrij, Radu; Marusic, Lucas Leiva, Parolo, Lulic; Luis Alberto, Milinkovic-Savic; Felipe Anderson. All. Inzaghi

Sassuolo, UFFICIALE: hanno rinnovato Consigli e Peluso

Categorie In Evidenza/Sassuolo Scritto da

Il Sassuolo ha ufficializzato il rinnovo di contratto per Andrea Consigli e Federico Peluso. Il portiere, arrivato in Emilia quattro anni fa dall’Atalanta, resterà in neroverde fino al 2022. Per il terzino ex Juventus, arrivato anch’egli nel 2014, ha invece prolungato fino al 2020. I due rimarranno quindi a disposizione del tecnico Giuseppe Iachini. L’annuncio è stato dato tramite il sito ufficiale del club.

“Federico Peluso rinnova fino al 2020, Andrea Consigli fino al 2022. L’Unione Sportiva Sassuolo Calcio comunica il rinnovo contrattuale delle prestazioni sportive dei suoi giocatori. Il portiere classe 1987  ha rinnovato fino al 30 giugno del 2022, mentre il difensore classe 1984 ha rinnovato fino al 30 giugno del 2020.”

Sampdoria-Roma streaming e probabili formazioni

Categorie In Evidenza/Streaming Scritto da

Sampdoria-Roma streaming e probabili formazioni – Questa sera si terrà il recupero del turno della terza giornata di Serie A tra Sampdoria e Roma. Gli uomini di Marco Giampaolo arrivano alla sfida con un Fabio Quagliarella in forma smagliante. L’attaccante campano, infatti, è reduce dalla tripletta rifilata alla Fiorentina, e con 15 reti ha già superato il suo record di reti in una stagione. I blucerchiati vogliono vincere per consolidare il sesto posto in classifica e allontanare il Milan, indietro di due lunghezze.

Momento delicato, invece, per i giallorossi, che non vincono dallo scorso 16 dicembre. La compagine di Eusebio Di Francesco, inoltre, deve fare i conti con le grane di mercato. Le voci, sempre più insistenti, che vogliono Edin Dzeko vicino al Chelsea, non aiutano. Nell’ultimo turno è arrivato il pareggio contro l’Inter, che in classifica precede la Roma di tre punti. La quinta posizione in classifica sta stretta ai giallorossi, che vogliono portare a casa i tre punti e agganciare i nerazzurri.

Sampdoria-Roma streaming

Sampdoria-Roma streaming – La partita tra Sampdoria e Roma si terrà questa sera, alle ore 20:45, allo stadio Luigi Ferraris di Genova. Sarà trasmessa, come di consueto, in esclusiva per i clienti abbonati alle piattaforme satellitari. Sky mette a disposizione i canali Sky Supercalcio e Sky Calcio 1. Mediaset Premium, invece, trasmetterà la gara sul canale Premium Sport. Il match sarà disponibile anche sui dispositivi mobili anche attraverso le rispettive app, Sky Go e Premium Play. Infine, saranno a disposizione degli utenti anche i siti di streaming illegale, come Rojadirecta.

Sampdoria-Roma probabili formazioni

Giampaolo avrà a disposizione tutti i suoi uomini migliori. Rientra Sala, che ha saltato la sfida contro la Fiorentina per squalifica. Si giocherà il posto con Bereszynski, che parte favorito. A centrocampo ci sarà il ballottaggio tra Linetty e Barreto, con il primo in pole. Rientra dal primo minuto Zapata, pronto ad affiancare Quagliarella. Panchina, quindi, per Kownacki.

Dzeko ci sarà, ed è una grande notizia per mister Di Francesco. Il centravanti bosniaco sarà il perno dell’attacco giallorosso, che lo vedrà affiancato da Gerson e Under. Fuori per infortunio Perotti, dovrebbe rimanere fuori anche El Shaarawy. Verso la conferma dal primo minuto Pellegrini, che si gioca il posto con Gonalons. Ballottaggio anche tra Strootman e De Rossi, con l’olandese favorito.

Probabili formazioni

Sampdoria (4-3-1-2): Viviano; Bereszynski, Silvestre, Ferrari, Strinic; Linetty, Torreira, Praet; Ramirez; Quagliarella, Zapata. All. Giampaolo

Roma (4-3-3): Alisson; Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov; Pellegrini, Strootman, Nainggolan; Gerson, Dzeko, Under. All. Di Francesco

 

Ezequiel Barco la “nueva joyita” sbarca in Mls

Categorie In Evidenza Scritto da
Ezequiel Barco

E’ormai notizia di qualche giorno fa, Ezequiel Barco classe 99’ considerato da molti il nuovo gioiellino argentino si è accasato all’Atlanta United alla corte del Tata Martino. E’ stato pagato 15 milioni di dollari superando il primato di spesa in Mls che apparteneva a Bradley (l’ex Chievo e Roma che molti ricorderanno) pagato 10 milioni da Toronto ai capitolini nel 2014. Il trequartista ormai ex Independiente è uno dei tanti talenti più promettenti degli ultimi anni. La Copa Sudamericana vinta dal club di Avellaneda porta la sua firma.

Chi è Ezequiel Barco?

Il 18enne ha incantato nel torneo sudamericano (l’equivalente della nostra Europa League) dodici partite, tre goal e tre assist. Ma il capolavoro l’ha realizzato il 13 dicembre 2017 al Maracanà nella finale di ritorno con il Flamengo.Con l’Independiente sotto 1-0 Barco si è preso la responsabilità di calciare un rigore pesantissimo spiazzando il portiere. Forti del 2-1 di Buenos Aires, il pareggio ha regalato a Los Diablos Rojos (I diavoli rossi) il diciassettesimo trofeo internazionale della sua storia.

Ezequiel Barco
Ezequiel Barco

Alla fine di Agosto il club argentino aveva perso il suo giovane di maggior talento, Emiliano Rigoni finito allo Zenit San Pietroburgo di Mancini. E così Barco si è preso sulle spalle la squadra allenata da Ariel Holan un ex selezionatore della nazionale femminile di Hockey su prato (sport non secondario al calcio in Argentina).

1.67, destro naturale, dribbling fulminante e una buona propensione agli assist che ne hanno fatto uno dei migliori in campionato per  passaggi  chiave. Ha ancora ampi margini di miglioramento e il suo maggior limite è in fase di finalizzazione. Nonostante i limiti in Argentina si sono scomodati paragoni importanti. Uno su tutti Sergio Aguero talento prodotto dal vivaio “ Diablo Rojo”.

La scelta di Barco potrebbe non essere del tutto errata. Il Tata Martino potrebbe sviluppare appieno le potenzialità del ragazzo e in un  campionato dove le difese non sono certo irreprensibili migliorarne la fase realizzativa. La Major League sarà solo una tappa del suo percorso e non una destinazione.

1 2 3 9
Vai in Alto