Gregoire Defrel: il ‘bandito’ sotto i riflettori

Nella storia del campionato italiano abbiamo assistito alla consacrazione di tanti attaccanti: alcuni destinati a rimanere in penombra e altri, invece, a esplodere a livello internazionale. La stagione 2018/2019 sembra essere quella delle sorprese e, tra le più piacevoli, troviamo quella di un calciatore che sta mostrando il suo valore partita dopo partita: il suo nome è Gregoire Defrel.

La manita blucerchiata! 👋🏻 #FrosinoneSamp 0-5: bomber in palla, è vittoria record in trasferta. 🔝

Un post condiviso da U.C. Sampdoria (@unionecalciosampdoria) in data:

Gregoire Defrel chi è? 

Classe 91′, l’attaccante francese è arrivato, in prestito dalla Roma, durante il mercato estivo tra le fila blucerchiate della Sampdoria, dopo una stagione molto deludente a Trigoria che l’ha visto segnare in una sola occasione. Troppo poco per un calciatore di questa fattura: velocità, grinta, ottimo tiro e intelligenza, lo rendono una spina nel fianco per le difese avversarie.
Durante queste prime apparizioni, ha messo a segno ben 5 goal, anche di pregevole fattura, regalando numerose gioie ai suoi nuovi tifosi che sono già pazzi del ‘bandito‘. Questa è la sua esultanza, ciò che lo contraddistingue: niente di eclatante, è solo frutto di un’invenzione dei suoi amici parigini, un gioco ‘da bambini’.
Tutti coloro che seguono il calcio non possono che essere contenti di vedere un talento così cristallino tornare a brillare come prima. La sua carriera inizia al Parma e al Foggia, ma viene notato per la sua immensa qualità mentre parteggia per il Cesena. Qui la consacrazione: passa al Sassuolo per 7 milioni di euro, giocando e convincendo ancora. È un attaccante duttile, capace di giocare come ala e come prima punta senza distinzione. Quest’anno Giampaolo l’ha schierato fin dall’inizio nella coppia d’attacco al fianco di Quagliarella, con cui sembra aver trovato una grande intesa: ottimo lavoro dell’allenatore che si può godere il miglior momento della carriera del francese.
“Qui mi trovo bene, sento la fiducia del mister e sto migliorando”: queste le sue parole per descrivere questa nuova e fantastica esperienza. Dal nostro canto non possiamo far altro che sperare nella sua continuità e che la stella non smetta più di brillare. Sguardo verso il cielo, ma con i piedi piantati per terra: questo è Gregoire Defrel.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.