Crystal Palace-Chelsea, una vittoria per chiudere l’anno

0

Crystal Palace-Chelsea vedrà la squadra di Abramovich impegnata in un altro derby londinese per consolidare quel quarto posto faticosamente riconquistato.

I blues, approfittando del pareggio esterno dei gunners sul campo del Brighton, hanno riacciuffato l’ultimo posto utile per la qualificazione champions. Dopo la sconfitta interna col Leicester e dopo il sanguigno sfogo di Sarri in conferenza stampa, con tanto di minaccia nel trovare uno psicologo ai suoi giocatori, ha dato i frutti sperati.

La reazione che l’allenatore ha imposto ai suoi giocatori si è avuta nell’ultima partita, con la vittoria sull’ostico campo degli hornets.

Ora nella trasferta di Selhurst Park bisognerà assolutamente confermare la prova offerta nel boxing day.

Situazione e precedenti

Gli eagles di Roy Hodgson, dopo la roboante vittoria esterna contro i campioni in carica del Manchester City, arrivano a questo appuntamento reduci dallo scialbo pareggio casalingo col Cardiff City.

Al momento i glaziers (altro soprannome dei rossoblu) mantengono 7 punti di vantaggio sulla zona retrocessione, ma discontinuità di prestazioni e sterilità offensiva non lasciano tranquilli.

Gli uomini di Maurizio Sarri, trascinati dal solito Eden Hazard, cercheranno quella continuità che nelle ultime partite sembra essersi un po’ smarrita.

L’ultima gara giocata nel sobborgo di Croydon, risalente all’Ottobre del 2017, vide imposrsi i padroni di casa col punteggio di 2-1.

Venendo all’ultima vittoria su questo campo da parte del Chelsea bisogna tornare indietro di un paio d’anni quando un gol di Diego Costa risolse la sfida.

Crystal Palace-Chelsea: Conclusioni

Il C.Palace al termine del girone d’andata (19 partite) ha vinto 5 gare, pareggiandone 4 e perdendone ben 10; non si può dire certo un cammino irreprensibile.

Al tempo stesso è stato capace di vincere partite in cui partiva sfavorito per perderne altre dove chiunque l’avrebbe dato vincente.

In panchina quel vecchio lupo di mare che risponde al nome di Roy Hodgson sa però bene come gestire certe situazioni: saprà dare le giuste motivazioni ai suoi per affrontare il match col giusto spirito.

I blues invece dovranno semplicemente giocare com’è nelle loro possibilità e la capacità dei singoli potrà fare la differenza, se tutti e undici giocheranno uno per l’altro.

Domenica pomeriggio avremo la conferma di quanto avrà effettivamente influito lo sfogo dell’allenatore italiano.

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.