Robert Skov: l’ala d’attacco della Danimarca

0

Vi state chiedendo chi è Robert Skov? Si tratta di un calciatore nato il 20 maggio 1996, danese, ala del Copenaghen e della nazionale Under-21 danese.  Ha iniziato a giocare in un piccolo club danese, il Silkeborg, dove dal 2012 al 2018 segna 27 reti in 91 presenze. Vediamo insieme le sue caratteristiche tecniche e la carriera fino ad ora del ragazzone.

Carriera di Robert Skov

Ha sempre giocato nel campionato danese vincendo un titolo nazionale con la sua prima squadra nella stagione 2013/2014. Il 2 dicembre 2018, durante la 18ª giornata di Superligaen, mette a segno una tripletta nella trasferta sul campo dell’AC Horsens vinta per 6-1. Per ora sono 22 reti in 39 presenze con la maglia del Copenaghen. In questa stagione, che può esser considerata quella della definitiva consacrazione a livello nazionale, il suo talento è esploso come dimostrano le 35 presenze condite da 23 reti e 5 assist. Tutto questo ha fatto schizzare il prezzo de suo cartellino a 5 milioni. Una media squadra puntando su di lui potrebbe ottenere un giocatore forte e magari fare una discreta plusvalenza in ottica futura.

Caratteristiche tecniche

Si tratta di un giocatore molto forte fisicamente. Sa far valere i suoi 183 cm. Ma non per questo perde efficacia nella corsa. Risulta avere una progressione piuttosto interessante. Pur agendo da esterno vede molto la porta, anche da fuori. Probabilmente dato il suo ruolo, dovrebbe imparare a esser più lucido nell’ultimo passaggio per poter esser più utile alla manovra dell’intera squadra. Ha dalla sua una innata capacità con entrambi i piedi, rendendolo immarcabile sotto certi aspetti e gli apre infinite possibilità di scelta. Può giocare come attaccante. Ma da il suo meglio come ala, agisce indifferentemente su entrambe le fasce data la sua duttilità e alle sue abilità tecniche. In carriera ha ricoperto pure il ruolo di centrocampista di destra.  Grazie alla dedizione e alla sua intelligenza tattica si sa valorizzare pure in quel ruolo.

Nazionale: il cammino fino ad ora

Ha rappresentato la nazionale danese ai Giochi Olimpici del 2016 senza trovare la via del gol, dove ha giocato tre partite. Ha iniziato la sua carriera nelle giovanili della Nazionale nel 2013 con cui mette a referto 3 reti in 5 presenze con l’Under18. L’anno successivo con l’Under19 saranno 2 reti in 9 presenze. Dal 2016 fa parte della compagine nazionale del suo Paese,categoria Under21 con cui racimola 12 presenze e 10 gol.  In questa ottica la Nazionale maggiore ha grosse aspettative su di lui, potrebbe esser il trascinatore tecnico tattico di una squadra storicamente avara di talenti, ma che in questa generazione ha trovare in Eriksen una guida. Da questo punto di vista va sottolineato il lavoro della federazione nazionale che ha creato una ascesa nel fenomeno calcistico come dimostrano talenti nostrani come Fisher, Youssef Poulsen o Pione Sisto giusto per citare i casi più noti.

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.