Chelsea-Wolverhampton, l’imperativo sono i tre punti

0

Chelsea-Wolverhampton giocheranno domenica pomeriggio a Stamford Bridge per la decima volta da quando il campionato inglese è denominato Premier League.

Nei nove precedenti non è mai finita in parità; i blues hanno vinto in 7 occasioni, l’ultima delle quali il 2 gennaio 2012 per 2-1 con un gol di Lampard allo scadere.

I wolves hanno vinto 2 volte di cui l’ultima nel dicembre scorso sempre per 2-1; da quella (forse inaspettata) sconfitta è cominciato per il Chelsea un periodo di alti e bassi da cui è ancora convalescente.

Un motivo in più per i londinesi di rifarsi sugli avversari ed ottenere la terza vittoria consecutiva che li rilancerebbe ipoteticamente anche per il terzo posto finale.

Situazione e analisi tattica

Gli uomini di Sarri occupano al momento la sesta piazza a soli 5 punti però dal terzo posto e con una gara da recuperare in casa col Brighton; potenzialmente potrebbero scavalcare Arsenal e Man Utd che li sopravanzano ora di 1 e 2 punti.

Il Wolverhampton, essendo una neopromossa, è la sorpresa di questa edizione della Premier, visto l’attuale settimo posto in coabitazione col Watford.

Entrambe arrivano a questa sfida reduci da una vittoria; quelli in maglia blu sconfiggendo nel derby il Fulham mentre gli uomini di Espirito Santo battendo il Cardiff tra le mura amiche.

Nella gara d’andata la squadra di Maurizio Sarri partì bene cercando di imprimere il suo gioco e per un tempo ci riuscì concludendolo in vantaggio; nella ripresa, forse per un calo ma anche per l’abilità avversaria, gli arancioni riuscirono a ribaltare il risultato in cinque minuti.

La squadra del portoghese si è dimostrata abile sia quando ha dovuto creare gioco ma soprattutto quando si è ritrovata a colpire gli avversari in contropiede.

Per questo motivo i blues dovranno esser bravi a non ripetere gli errori visti al Molineux Stadium; non scoprirsi per evitare le ripartenze avversarie e pressing feroce per non permettere agli arancioni di imbastire le loro trame di gioco.

Protagonisti e conclusioni

Il Chelsea su 14 partite di campionato giocate finora in casa ha ottenuto 9 vittorie, 4 pareggi ed una sola sconfitta, segnando 28 gol e subendone appena 9.

I Wanderers in trasferta hanno ottenuto 5 vittorie ed altrettante sconfitte mentre ne hanno pareggiate 4; hanno realizzato 15 gol e subiti 16.

Il calcio non è una scienza esatta, si sa. Sono entrambe due formazioni abbastanza equilibrate per quanto riguarda i valori nei rispettivi reparti anche se i blues possono vantare un tasso tecnico superiore.

All’andata i marcatori furono Jimenez, Jota e Loftus-Cheek mentre in questa partita si potrebbe scommettere su una rete di Hazard o del Pipita ad esempio.

La cosa certa è che difficilmente finirà 0-0 come il 31 agosto 1982; l’ultimo pareggio tra le due compagini quando militavano in League Division Two.

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.