Rivoluzione Roma: Ranieri nuovo allenatore, cosa cambierà?

Dopo la disfatta col Porto viene esonerato Di Francesco, richiamato Ranieri

0

A Roma la notizia era nell’aria ma da qualche giorno è diventata ufficiale: fuori Di Francesco, dentro Ranieri per questo finale di stagione. Ma il terremoto Roma coinvolge anche il ruolo di direttore sportivo: Monchi ha rassegnato le dimissioni ed è stato momentaneamente sostituito da Ricky Massara.

L’ambiente della capitale è sempre difficile da gestire per chiunque ma l’ultimo mercato estivo e le recenti prestazioni della squadra avevano fatto già finire la pazienza dei tifosi e della dirigenza giallorossa. La scelta è ricaduta su un romano d’hoc per salvare il salvabile in questa ultima parte della stagione perché Ranieri, diciamocelo, di imprese se ne intende. Dopo essere arrivato sul trono d’Inghilterra con il suo Leicester nella stagione 2016/2017, ora il mister romano è chiamato ad un’altra impresa: quella di porta la Roma in Champions League.

Nicolò Zaniolo
Esordio da titolare con la maglia della Roma per Nicolò Zaniolo a Madrid

Come cambia la Roma con Ranieri? 

La società è andata sull’usato sicuro e ha scelto Claudio Ranieri per raddrizzare una stagione finora deludente. L’ex tecnico del Fulham era stato esonerato il mese scorso dalla società inglese per i risultati di certo non all’altezza delle aspettative ma ora è chiamato a fare di meglio: lo chiedono i tifosi, lo chiede la Roma. Ci ha abituati a imprese come quella del Leicester, ricordata poco sopra, ma ora servono i punti, serve riportare la Roma fra le prime quattro del campionato per essere nell’Europa dei grandi. Per il tecnico romano è un ritorno sulla panchina giallorossa, dopo il biennio 2009-2011 dove aveva sfiorato l’impresa cercando di soffiare il titolo all’Inter del “Triplete” di Josè Mourinho. Il momento è ben diverso ma l’allenatore dovrà cercare di trarre il meglio da questa squadra in questo momento particolare della stagione, poi in estate si parlerà del futuro. Di certo non possiamo dire che l’inizio è stato molto fortunato perché il tecnico all’esordio con l’Empoli dovrà fare sicuramente a meno di Dzeko (squalificato), di capitan De Rossi e di Pellegrini, usciti malconci dalla partita di mercoledì sera che è costata la panchina a Eusebio Di Francesco. Nelle ultime ore si sono anche aggiunte le defezioni di Manolas e di Schick lasciando dei buchi sia in difesa, dove mancherà anche lo squalificato Fazio, che in attacco. Restano dei dubbi sulla formazione che schiererà il nuovo allenatore nel ‘Monday night’ ma avrà sicuramente delle scelte obbligate in alcune zone del campo. Per quanto riguarda lo schieramento resta da capire se Ranieri vorrà proseguire la strada del 4-3-3 o 4-2-3-1 di Di Francesco oppure cambierà subito modulo per passare al suo più amato 4-4-2. Ora la Roma, fuori da tutte le coppe, rivolgerà la sua attenzione esclusivamente al campionato per cercare di raggiungere l’obiettivo minimo stagionale. Il nuovo allenatore cercherà di sfruttare tutti gli allenamenti durante la settimana per conoscere le caratteristiche dei propri giocatori e per preparare al meglio gli impegni di campionato, magari sfruttando questo piccolo vantaggio sulle dirette concorrenti. Non ci resta che aspettare: riuscirà Ranieri a portare a termine quest’altra impresa?

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.