La Liga: Temas De Debate – 38ª Giornata –

0

La Liga: temas de debate. Analisi, spunti, riflessioni, dati e curiosità sull’ultima giornata del campionato di calcio spagnolo.

 

Levante-Atlético Madrid
Decimo pareggio in Liga per un Atlético ormai interamente occupato a programmare il proprio futuro: Juanfran si ritira; Godín, Griezmann, Hernández cambieranno aria; Rodri (appetito dal Man City) e Diego Costa (desiderato dal Napoli) potrebbero lasciare mentre il tifo colchonero si chiede se Cavani, Dybala ed Icardi siano obbiettivi concreti. Al Ciutat del València i granotas hanno chiuso il primo tempo avanti di due reti grazi ai centri di Cabaco (6′) e Roger Martí (36′, tredicesima marcatura in campionato). Nella ripresa i goal di Rodri (69′) e del diciottenne esordiente Sergio Vamello (79′) hanno permesso ai madrileni, in inferiorità numerica per l’espulsione di Correa al 51′, di evitare la sconfitta.
L’Atletico chiude l’88ª edizione del campionato spagnolo al secondo posto (fase a gironi della prossima Champions League) ad undici punti dal Barça campione ed ad otto punti dai cugini blancos, forse l’unica soddisfazione, congiuntamente alla conquista del Trofeo Ricardo Zamora – miglior portiere del torneo in base al rapporto reti subite-gare giocate – 
da parte di Oblak, di una stagione avara. Il Levante invece conclude al quindicesimo posto in classifica la sua tredicesima (seconda consecutiva) stagione in Liga. 

 

La Liga: Valladolid-Valencia
Il trittico finale di vittorie (inedito in questa stagione) ha permesso al Valencia di strappare il quarto posto e quindi di qualificarsi alla prossima fase a gironi della Champions. Fondamentale la vittoria in casa di un Pucela ormai salvo. Soler (36′) e Rodrigo (52′)  i marcatori. Il Valladolid dal canto suo ha centrato la salvezza, permanendo nella massima categoria del calcio spagnolo dalla quale mancava da quattro stagioni.

 

La Liga: Siviglia-Athletic Club
Fatale sconfitta andalusa per l’Athletic Bilbao che ha dovuto così abbandonare sogni di gloria europei. Mattatore assoluto dei sivigliani il transalpino Wissam Ben Yedder, il quale ha prima siglato il vantaggio (44′; trentesima trasformazione stagionale), quindi ha confezionato l’assist che ha permesso all’ex blaugrana Munir El Haddadi di raddoppiare. Il Siviglia si è qualificato alla fase a gironi della prossima Europa League, mentre l’Athletic Club si è visto superare dall’Espanyol in virtù degli scontri diretti: una beffa. 

 

La Liga: Getafe-Villarreal
Pareggio ricco di reti fra azulones ed il Submarino amarillo. I madrileni hanno sbloccato con Portillo al 13′, pareggio valenciano con Iborra al 44′, quindi nuovo vantaggio casalingo con Maksimovic (76′) e pareggio ospite, Moreno (87′).  Il Getafe si qualifica così alla prossima Europa League, mentre il Villarreal dopo non poche difficoltà rimane in Primera División.

 

La Liga: Espanyol-Real Sociedad
Importantissima vittoria dell’Espanyol in chiave Europa League: grazie al successo sui baschi i periquitos sono riusciti ad agganciare l’Athletic Club in graduatoria ed a superarlo in virtù degli scontri diretti.  Fra luglio ed agosto i blanquiazules affronteranno quindi il secondo turno di qualificazione, ritornando a disputare un match in Europa, evento che non capitava dall’annata 2006-07.  Rosales e Lei Wu i marcatori catalani (58′ e 66′) contro la Real, nona in classifica.

 

La Liga: Huesca-Leganés
Settima vittoria in Liga per l’Huesca comunque già condannato alla retrocessione. A fare i conti col il sussulto d’orgoglio aragonese un Leganés, capace di conquistare la salvezza per il terzo anno consecutivo. Protagonista indiscusso dell’incontro Mantovani capace con un’autorete di mandare in vantaggio i madrileni (39′), quindi di rimediare e portare i suoi al più inutile dei successi con una doppietta (55′ e 83′). Grazie a questa vittoria l’Huesca, alla prima esperienza in Primera, ha abbandonato l’ultimo posto. 

 

La Liga: Celta Vigo-Rayo Vallecano
Anche fra galiziani e madrileni pareggio con reti o iosa. Il Rayo, già in Segunda, sino all’81’ accarezzava l’idea del nono successo in Primera grazie alle reti di Embarba (29′) e Medrán (71′). La doppietta (quinta in stagione) nel finale di Iago Aspas (20 reti in campionato, terzo posto in classifica Pichichi) ha però  riequilibrato il punteggio.

 

La Liga: Alavés-Girona
Tredicesima vittoria in campionato dei babazorros, ormai fuori da ipotesi di qualificazioni alle coppe europee, ed un Girona che per rimanere in Primera necessitava di un miracolo. Così non è stato. Wakaso e Calleri i marcatori per i baschi, Portu per i catalani (per il murciano, come per l’argentino Calleri, nona trasformazione in Liga). Entrambi gli allenatori dei due club, Abelardo ed Eusebio, hanno rassegnato le dimissioni. Il Girona dopo due stagione abbandona quindi la Primera División.

 

La Liga: Real Madrid-Betis
Il Real chiude la propria stagione con la dodicesima sconfitta, la quarta da quando è tornato Zidane. Il Betis di Setién – altro tecnico già con la valigia in mano – ha fatto suo il match nella ripresa grazie ai goal di Morón e Jesé. Negata la passerella d’addio a Bale che però non intende lasciare la capitale spagnola così facilmente: «Ho ancora altri 3 anni di contratto. Se vogliono che me ne vada dovranno pagarmi 17 milioni netti a stagione. Altrimenti rimango qui, anche solo a giocare a golf». Poco male: nelle ultime ore i nomi di Mbappé e Neymar sono stati accostati alla Casa Blanca ed i tifosi gongolano pensando ai nuovi gioielli da esibire nella prossima Champions.

 

La Liga: Eibar-Barcellona
Il Barcellona, già campione, chiude la propria Liga 2018-19 con un pareggio all’Ipurua di Eibar. Sono stati gli armeros a sbloccare con Cucurella (in prestito proprio dal Barça) al 20′. Appena dopo la mezz’ora di gioco doppietta di Messi (sesta in questo campionato), quindi nel finale della prima frazione il pareggio definitivo di de Blasis. I catalani, ancora delusi per l’eliminazione dalla Champions e con ancora la finale di Copa del Rey da giocare, possono gongolare per i titoli conquistati dal fuoriclasse argentino. Leo infatti ha vinto per la sesta volta – come la leggenda basca Telmo Zarra –  il Trofeo Pichichi (36 le marcature, quinto risultato di sempre del sudamericano in Liga) e, in coabitazione con Sarabia del Siviglia, dominato la classifica assist (13). 

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.