Sarri-Juventus: come cambierebbero i bianconeri con il tecnico toscano?

0

Il toto-allenatore per la panchina della Juventus è iniziato venerdì scorso, con l’annuncio della separazione tra Allegri e i bianconeri, ed è destinato a continuare per qualche altra settimana. Non che non si potesse pensare un divorzio tra il tecnico toscano e la società torinese però, con la conferma dello stesso, media, tifosi e addetti ai lavori stanno scommettendo su chi potrà essere il suo successore. Sono tanti i nomi in lizza. Pochettino, Conte, Sarri, Guardiola, Inzaghi, Mihajlovic, Klopp. Ancora la stagione calcistica non è terminata, e il futuro degli allenatori delle finali di coppe europee deve ancora delinearsi. I nomi di Inzaghi e Mihajlovic si basano sull’esperienza a livello nazionale. Guardiola è il sogno.

Come cambia la Juve con Sarri?

Sicuramente il nome più probabile, o comunque tra i più probabili, è quello di Maurizio Sarri. L’ex tecnico del Napoli, grande avversario fino all’anno scorso dei bianconeri, avrebbe già dato disponibilità a Paratici e Nedved e sarebbe entusiasta di tornare in Italia. Darebbe precedenza al progetto della Juve, piuttosto a quello meno competitivo e ambizioso di Milan e Roma, anch’esse interessate all’allenatore.

L’avvento di Sarri cambierebbe e non poco la Juve. Il grande discorso sulla bellezza del gioco, principale critica ad Allegri, determinerebbe dei cambiamenti della rosa a livello tecnico. Giocatori di qualità come Cancelo e Dybala difficilmente verrebbero ceduti. Si punterebbe molto su Bentancur e Bernardeschi e forse un po meno su Mandzukic, Khedira e De Sciglio. Sarri manterrebbe il 4-3-3 usato quasi sempre quest’anno, ma inseguirebbe un centrocampista più bravo nel fraseggio che abile fisicamente e una riserva di Cancelo più brava tecnicamente di De Sciglio. In attacco ci si concentrerebbe sul rilancio di Dybala, enorme talento in chiaroscuro quest’anno. E, perché no, sarebbe ipotizzabile un ritorno in bianconero di Gonzalo Higuain, pupillo del tecnico toscano, ancora di proprietà della Juventus, a fare da spalla a Cristiano Ronaldo.

Il materiale è qualitativamente e quantitativamente incredibile, a parere di chi scrive il migliore d’Europa. Un profilo come Sarri potrebbe migliorare un gioco non troppo fluido ed estetico, mantenendo un livello competitivo comunque altissimo.

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.