Quagliarella il capocannoniere a 36 anni: il personaggio

0

Quagliarella capocannoniere a 36 anni. In uno stadio che inizia ad acclamarti mezz’ora prima dell’inizio dell’ultima partita e non finisce nemmeno quando sei a farti la doccia.

Manca solo il gol alla giornata perfetta di Fabio Quagliarella, premiato come miglior attaccante del campionato:la sua Samp segna con Defrel e Caprari quando lui è stato richiamato in panchina per la standing ovation da Marco Giampaolo, perfetto regista di giornata.

Le parole dei protagonisti del match

Il primo a rendere merito al nuovo capocannoniere è Massimiliano Allegri: «Ha meritato tutte le ovazioni ricevute, perché non si gioca una stagione del genere a 36 anni se non si è grandi professionisti».

La meravigliosa Sud di Marassi, che canta come se Samp-Juve fosse una finale di Champions, gli dedica due striscioni: «Grazie Capitano, la Sud ti rende omaggio». «Uomo leale, professionista esemplare».

Quagliarella e il giro di campo

Alla fine Fabio si concede un giro di campo che qualcuno interpreta anche come un possibile addio, con le voci di un ritorno al Napoli che non si spengono.

Quagliarella si porta più volte la mano al cuore e a un certo punto non riesce proprio a trattenere le lacrime. Arriva anche la foto ricordo coi genitori, icona di una stagione pazzesca, da 26 gol in 37 partite.

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.