Napoli, la prima stagione di Ancelotti può considerarsi positiva

0

Valutare la stagione del Napoli non è semplice. La squadra partenopea ha cambiato 2 pedine fondamentali la scorsa stagione: via Sarri e Jorginho, dentro Ancelotti e una nuova filosofia di gioco. Il cambio è stato importante e ben visibile: il nuovo allenatore si è mostrato più flessibile e ha sfruttato tutta la rosa a sua disposizione, principale critica che veniva fatta all’ancora attuale tecnico del Chelsea.

L’investimento più importante del Napoli, Fabian Ruiz, ha comportato un cambiamento di filosofia. Il modulo di riferimento è stato il 4-4-2, con lo stesso nazionale spagnolo in cabina di regia, più avanzato rispetto a Jorginho e più offensivo. D’altra parte, Allan e Callejon si sono sacrificati maggiormente in fase difensiva, e infatti si sono visti molto meno in zona gol rispetto all’era Sarri. C’era curiosità anche sul ballottaggio Mertens-Milik, che è stato vivo per tutta la stagione e che non ha visto un vero vincitore.

Napoli, tutto sommato la stagione è positiva

All’inizio della stagione 2018-2019, proprio a causa di questa rivoluzione in casa Napoli, la squadra di Ancelotti non era considerata per i primissimi posti della classifica. Si prevedeva che squadre come Inter e anche il Milan, oltre ovviamente la Juve, finissero sopra il Napoli in classifica. Le cose non sono però andate così: il Napoli ha mantenuto il 2° posto per tutta la stagione, ha finito a quota 79, a -11 dalla Juve e a +10 dall’Atalanta terza in classifica. In pratica da Febbraio il Napoli era sicuro del suo piazzamento in classifica, potendosi così concentrare sull’Europa League.

Proprio le coppe europee hanno rappresentato la delusione per la squadra di De Laurentiis. Un girone di Champions League giocato benissimo non è bastato per il passaggio del turno, ma criticare il Napoli per questo, considerando che Liverpool e PSG erano nello stesso girone, sarebbe ingiusto. Lo stesso però non può dirsi per l’EL: l’uscita dalla competizione per mano dell’Arsenal non è andata giù a diversi tifosi. Se perdere con la finalista della Coppa non è certamente un fatto anomalo, è pur vero che il Napoli ha perso con un complessivo 0-3, soccombendo ai londinesi sia all’andata che al ritorno.

Complessivamente, comunque, la stagione del Napoli è positiva: giovani come Ruiz e Meret sono cresciuti e sono ormai titolari di questa squadra. In  campionato meglio di così non si poteva fare, nelle competizioni europee si può certamente migliorare, ma per essere la prima stagione di Ancelotti, i tifosi azzurri possono ritenersi soddisfatti.

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.